Archive for the ‘A-nonymous’ Category

  • – Inno alla masturbazione

    on dic 4, 13 • in A-nonymous, Testata • with Commenti disabilitati su – Inno alla masturbazione

    large (2)

    Zuccherino mio, quanto mi sei mancato! Sì, sono sempre io, la tua A-michevole chiacchierona di quartiere… e sono tornata. Guardami bene, noti qualcosa di diverso? Bravo, tesoro, ho lasciato il francese nell’armadio – pare fosse fastidioso. E sai dove l’ho messo? L’ho nascosto accanto ai tuoi scheletri, e ho nascosto pure quelli – pare fossero ancora più fastidiosi. Il nuovo anno si avvicina e io ho un buon proposito da portare a termine. Voglio essere gentile, voglio accompagnarti in terre un po’ lontane – in posti caldi caldi, bollenti come l’acqua calda sotto il sole. Voglio

    Read More »
  • 19. Un test di gravidanza.

    on ott 17, 12 • in A-nonymous, Rubriche • with Commenti disabilitati su 19. Un test di gravidanza.

    Ottobre, decimo mese del calendario gregoriano, secondo mese del nostro autunno, secondo mese di primavera nell’emisfero che sta più giù. Che belli i mesi dell’anno: trenta giorni, trentuno, ventotto… ognuno per un peccato, ognuno per un segreto e per una trasgressione, un giorno per sbagliare e l’altro per fare l’amore. Trecentosessantacinque errori, trecentosessantacinque emozioni, mille tradimenti, dodici vizi, dodici mesi. Eppure, a volte, quelli che contano sono solo nove

    Read More »
  • 18. Un tanga – Biancheria intima a sorpresa.

    on ott 10, 12 • in A-nonymous, Rubriche • with Commenti disabilitati su 18. Un tanga – Biancheria intima a sorpresa.

    Il mio giorno preferito, lo conosci già, è il mercoledì. È che il mercoledì sono così libera dagli schemi, così libera dai doveri, così libera di concedermi ogni sorta di piacere. E il mercoledì parlo, soprattutto. Parlo di te, mai di me, di quanto sia delizioso trovarti con le mani nella marmellata, o con le dita sotto i vestiti di qualcuno che non t’appartiene. Il tuo giorno preferito, però, non coincide col mio. Tu ami il sabato. Io amo il giorno e tu la notte, io amo la musica e tu ami ballare, io amo

    Read More »
  • 17. Un paio di manette – Il lato oscuro dell’amore.

    on ott 3, 12 • in A-nonymous, Rubriche • with Commenti disabilitati su 17. Un paio di manette – Il lato oscuro dell’amore.

    “In amore c’è una linea sottile che intercorre tra piacere e dolore. Infatti, si dice comunemente che un rapporto senza dolore è un rapporto che non vale la pena di essere vissuto”. Ma non è forse vero che ciò che si dice comunemente altro non è che il falso? E non è forse vero che per qualcuno il dolore e il piacere non hanno alcuna linea di confine

    Read More »
  • 16. Una suocera – I legami familiari che non ti aspetti.

    on set 26, 12 • in A-nonymous, Rubriche • with Commenti disabilitati su 16. Una suocera – I legami familiari che non ti aspetti.

    C’è più gente che sa parlare o più gente che sa contare? Dicono che le parole siano in grado di plasmare gli animi e di costruire gli eserciti, pare che siano più importanti dei numeri. Eppure, per quanto io mi serva delle parole questa mattina, oggi e domani, ho solo bisogno che tu sappia contare fino a tre. Ripeti con me: uno, due, tre. Uno, due… e tre. Uno come te, l’uomo solo. Due come te e tua moglie, la coppia felice. Tre come uno, due e tre, lei, tua moglie e te

    Read More »
  • 15. Un souvenir. Il fantasma di un’estate bollente.

    on set 19, 12 • in A-nonymous, Rubriche • with Commenti disabilitati su 15. Un souvenir. Il fantasma di un’estate bollente.

    Quello che accade a Las Vegas resta a Las Vegas, dicono. Ma io preferisco la variante settembrina, la conosci? Quello che accade in estate resta in estate. A meno che non finisca sulla mia bocca, sia chiaro. Ciao chérie. Era agosto, te lo ricordi? Era agosto quando hai riempito la tua valigia. Un jeans, dei pantaloncini e qualche gonna; i tuoi amati costumi colorati, un pacchetto di sigarette e l’accendino; la crema solare, ché altrimenti ti scotti di nuovo, qualche spicciolo e il tuo nuovo amore. Anzi, no. 

    Read More »
  • 14. Un invitato. Piccanti retroscena di un matrimonio.

    on set 12, 12 • in A-nonymous, Rubriche • with Commenti disabilitati su 14. Un invitato. Piccanti retroscena di un matrimonio.

    Dei matrimoni mi piacciono i confetti. E il riso, e le giarrettiere. Hai presente la giarrettiera? Quella merlettata o in pizzo, color avorio o bianca come il latte, con un delizioso nastrino in raso color “blu tradizionale” o “vermiglio trasgressivo”. Dei matrimoni mi piacciono gli invitati. E il cibo, e le spose. Hai presente la sposa? Quella che profuma di lacca, con l’abito da principessina romantica e gli occhi scintillanti di lacrime e di emozioni. A. come amore, amore, amore. È l’amore, quello che mi piace dei matrimoni. L’amore, dopo il buffet

    Read More »
  • 13. Una professionista.

    on set 5, 12 • in A-nonymous, Rubriche • with Commenti disabilitati su 13. Una professionista.

    Poppea. C’è forse bisogno che ti parli di lei? Ha un nome che fa da garanzia, un nome che si è costruito con la storia; poche lettere che hanno fatto impazzire le carni di uomini nobili e potenti. Un matrimonio, poi un altro, un altro ancora, poi l’amante di colui che fece divampare le fiamme a Roma. A. come arrampicatrice sociale A. come ambiziosa e senza scrupoli. Ciao chérie, mia giovane dama dall’aspetto delizioso. Ci sono segreti che approvo e segreti che ammiro, segreti che bramo, segreti che mi incuriosiscono… e il tuo ha tutte,

    Read More »
  • 12. Un collega di lavoro.

    on ago 29, 12 • in A-nonymous, Rubriche • with Commenti disabilitati su 12. Un collega di lavoro.

    Beatrice: capelli d’oro e guance innocenti, occhi da cerbiatta e labbra inviolate, mani caste e pensieri candidi. Quella che Dante pose sul piedistallo dell’eterea perfezione, quella che ha mandato via le dita incandescenti di Lucifero. Una ventata di fresco, un antipasto del clima che verrà. A. come autunno, come le foglie che appassiranno, come le scuole che apriranno di nuovo i battenti. Dicono che l’anno cominci il primo gennaio ma sai, chérie, il vero inizio a cui brindare è quello del mese di settembre: mi sono anticipata un po’ giusto per alzare il calice con

    Read More »
  • 11. Un solitario.

    on ago 22, 12 • in A-nonymous, Rubriche • with Commenti disabilitati su 11. Un solitario.

    Sta arrivando l’ultimo dei venti, ti sta avvolgendo. È temerario, impetuoso; è bollente come mai prima d’ora; ha un nome ferino, un nome che fa da garanzia. Fa tremare i sensi solo a sentirlo nominare e sembra preparare la pelle a qualsiasi tipo di trasgressione. Ciao, chéri, ti presento Lucifero. E sembra che voglia legarti a sé con i lacci di pelle della tentazione, e sembra che ti lanci mele che tu non puoi fare a meno di provare a raccogliere. Fa caldo, il suo caldo, il caldo delle fiamme più diaboliche dell’intera estate. Ma

    Read More »
Scroll to top

Support us!

Facebook_like