Arrestato il nipote di Antonio Iovine. Accusato di sparatoria davanti a un bar

on ott 25, 12 • by • with Commenti disabilitati su Arrestato il nipote di Antonio Iovine. Accusato di sparatoria davanti a un bar

NAPOLI – Gli agenti del commissariato di Aversa hanno arrestato Francesco Iovine, 20 anni, nipote del boss dei Casalesi Antonio soprannominato «o’ ninno». Le accuse nei confronti del giovane sono di porto abusivo e detenzione illegale di arma da fuoco, spari in luogo pubblico, danneggiamento e minacce...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale » Arrestato il nipote di Antonio Iovine. Accusato di sparatoria davanti a un bar

NAPOLI – Gli agenti del commissariato di Aversa hanno arrestato Francesco Iovine, 20 anni, nipote del boss dei Casalesi Antonio soprannominato «o’ ninno».

Le accuse nei confronti del giovane sono di porto abusivo e detenzione illegale di arma da fuoco, spari in luogo pubblico, danneggiamento e minacce gravi. In manette anche un complice, Amedeo Sorpreso, di 23 anni. Il nipote dell’ex primula rossa del clan è coinvolto in una sparatoria avvenuta lo scorso 4 ottobre davanti al Bar Eis di piazza Marconi ad Aversa.

Il 22enne rampollo della famiglia Iovine è stato incastrato dalla polizia grazie alle registrazioni del sistema di video-sorveglianza di cui era munito un negozio limitrofo al bar di Piazza Marconi ad Aversa oggetto dell’episodio intimidatorio, avvenuto il 4 ottobre scorso. Nessun commerciante della zona ha infatti collaborato con gli inquirenti.

Le immagini mostravano chiaramente che due giovani all’interno di una Peugeot avevano esploso colpi di arma da fuoco verso la vetrina del bar; gli agenti in effetti erano intervenuti subito dopo l’episodio recuperando due bossoli calibro 7,65, un’ogiva in piombo nonchè una cartuccia dello stesso calibro ancora inesplosa, ma non erano riusciti ad ottenere informazioni utili per identificare i responsabili.

Dagli accertamenti effettuati, è emerso che Francesco Iovine aveva litigato nel bar probabilmente con il titolare, quindi poco dopo avrebbe provato ad investire una persona all’esterno del locale prima di sparare. Le indagini puntano ora a verificare se dietro il litigio vi fosse una richiesta di pizzo, anche perchè di recente la polizia ha constatato una ripresa dell’attività estorsiva da parte di giovani leve del clan; sembra infatti che il giovane nipote del boss Antonio Iovine detto o’ Ninno si fosse presentato nel bar facendo valere il suo cognome, probabilmente formulando qualche richiesta che però nessuno ha confermato.

Si potrebbe trattare di un tentativo di riaffermare la leadership della fazione facente allo zio dopo le decine di arresti degli ultimi anni, sulle orme del fratello Oreste, che la madre Rosa De Novellis incitava «a fare il camorrista», come emerse in un’intercettazione del 16 settembre 2003.

ilmattino.it

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like