lorusso

Blitz a Nizza: catturato il superlatitante Antonio Lo Russo. Stanato dai carabinieri il boss che stava a bordo campo allo stadio San Paolo

on apr 16, 14 • by • with Commenti disabilitati su Blitz a Nizza: catturato il superlatitante Antonio Lo Russo. Stanato dai carabinieri il boss che stava a bordo campo allo stadio San Paolo

Arrestato Antonio Lo Russo jr, il figlio del boss pentito Salvatore. Insieme con lui è stato arrestato anche il cugino Carlo Lo Russo. Mancava all’appello da quattro anni, è accusato di associazione camorristica, come presunto promotore del clan familiare. Lo Russo jr è diventato famoso per la foto che lo...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale, Testata » Blitz a Nizza: catturato il superlatitante Antonio Lo Russo. Stanato dai carabinieri il boss che stava a bordo campo allo stadio San Paolo

Arrestato Antonio Lo Russo jr, il figlio del boss pentito Salvatore. Insieme con lui è stato arrestato anche il cugino Carlo Lo Russo. Mancava all’appello da quattro anni, è accusato di associazione camorristica, come presunto promotore del clan familiare.

Lo Russo jr è diventato famoso per la foto che lo immortala a bordo campo, vestito da giardiniere, nel corso della partita del Napoli contro il Parma nell’aprile del 2010. Decisivo il blitz dei carabinieri a Bari.

Antonio Lo Russo – ricercato dal 5 maggio del 2010 -deve scontare già una condanna a vent’anni di reclusione, mentre suo cugino Carlo è ritenuto coinvolto nel tentato omicidio di Giovanni Lista.

Decisiva ai fini della cattura di Antonio Lo Russo, il cui nome era inserito nell’elenco dei 100 più pericolosi latitanti stilato dal ministero dell’Interno, è stato l’acume investigativo di tre carabinieri della sezione «catturandi» del capitano Erich Fasolino, agli ordini del comandante provinciale di Napoli,Marco Minicucci.

I tre militari erano da giorni a Nizza, sulle tracce del giovane reggente del clan dei «Capitoni», uno dei più temibili e attivi nella città di Napoli. L’inchiesta è stata coordinata dai pm della Dda Enrica Parascandolo, Sergio Amato, Henry Woodcocke dal procuratore aggiunto Filippo Beatrice.

fonte: ilmattino.it

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like