Borriello1

Borriello shock: “Mio padre ucciso dalla camorra perchè… . Su Saviano…”

on nov 9, 13 • by • with Commenti disabilitati su Borriello shock: “Mio padre ucciso dalla camorra perchè… . Su Saviano…”

In un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport Marco Borriello torna su alcuni aspetti controversi della sua infanzia e gioventù in quel di San Giovanni a Teduccio. Ecco i punti salienti: Suo padre Vittorio nel 1993 fu ucciso dalla camorra. Com’è stata la sua infanzia? “Non facile. Avevo 10...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale » Borriello shock: “Mio padre ucciso dalla camorra perchè… . Su Saviano…”

Marco+Boriello+Roma+v+Bologna+FC+Serie+wqTNq4JcKallIn un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport Marco Borriello torna su alcuni aspetti controversi della sua infanzia e gioventù in quel di San Giovanni a Teduccio. Ecco i punti salienti:

Suo padre Vittorio nel 1993 fu ucciso dalla camorra. Com’è stata la sua infanzia?

“Non facile. Avevo 10 anni e mia madre è stata fondamentale per la crescita. Nel mio quartiere di Napoli, San Giovanni a Teduccio, c’è la più alta concentrazione di clan della città. Intendiamoci, non era una giungla, ma neppure Disneyland. Un bambino lì è costretto a essere sveglio per forza perché un anno lì ne vale dieci da un’altra parte. Il calcio, poi, mi ha aiutato a superare quella mancanza, però mi sarebbe piaciuto che mio padre avesse visto quello che sono riuscito a fare”.

Si è detto però che fosse legato alla malavita.

“Mio padre era incensurato (processato e assolto, ndr)”.

Ha mai avuto la curiosità di sapere perchè è stato ucciso?

“Sì, ma l’ho saputo tanti anni dopo. Aveva prestato dei soldi a Pasquale Centore, ex sindaco di un paese del Casertano. Quest’uomo, legato al clan dei Casalesi, non glieli voleva restituire e in un raptus lo ha ammazzato”.

Con queste premesse, come ha fatto a polemizzare con Roberto Saviano, accusandolo di speculare sulla camorra?

“Ho sbagliato, non lo rifarei. Solo dopo ho saputo quello che ha scritto e come è costretto a vivere. La sua è una goccia nel mare, ma ha avuto coraggio”.

Lei è diventato il simbolo del calciatore che pensa solo alle donne e al lusso.

“E’ quello che pensano gli invidiosi”.

Lei ha detto che non ha mai conosciuto omosessuali nel calcio, ma di avere sospetti di bisessualità su qualcuno. Escludendo la Roma per farla vivere sereno, tra Milan, Juve e Genoa in quale squadra ne ha notati?

“In tutte e tre”.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like