autocompattatore

Caivano. Camorra e rifiuti, stop alla ditta Paciello, il Comune di Caivano costretto a revocare l’appalto

on apr 23, 14 • by • with Commenti disabilitati su Caivano. Camorra e rifiuti, stop alla ditta Paciello, il Comune di Caivano costretto a revocare l’appalto

(articolo di FRANCESCO CELIENTO) CAIVANO – La bomba è scoppiata stamane 23 Aprile, intorno alle ore 11, quando i carabinieri hanno bussato al Comune di Caivano e notificato all’ente l’interdizione dal trattare con la pubblica amministrazione per la ditta Alba Paciello, appaltatrice del servizio di raccolta...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale, Testata » Caivano. Camorra e rifiuti, stop alla ditta Paciello, il Comune di Caivano costretto a revocare l’appalto

(articolo di FRANCESCO CELIENTO) CAIVANO – La bomba è scoppiata stamane 23 Aprile, intorno alle ore 11, quando i carabinieri hanno bussato al Comune di Caivano e notificato all’ente l’interdizione dal trattare con la pubblica amministrazione per la ditta Alba Paciello, appaltatrice del servizio di raccolta spazzatura e differenziata a Caivano da quasi tre anni, fra affidamenti diretti e gare ristrette.

Il prefetto di Caserta Carmela Pagano ha, infatti, sulla scorta delle relazioni delle forze dell’ordine, emesso l’interdittiva antimafia nei confronti della ditta di Casagiove, che sarà annullabile solamente dal Tar.

Il sindaco di Caivano Antonio Falco ha dichiarato: “appena preso atto dell’interdittiva prefettizia, stiamo già predisponendo la revoca degli appalti e, per non interrompere il servizio di raccolta della spazzatura, assegnarlo all’azienda che alla gara d’appalto arrivò seconda (la Buttol srl, ndr)”.

La ditta Paciello già mesi fa fu interdetta, ma dalla magistratura nolana e per soli 15 giorni, il Comune di Caivano, in quel caso, fu uno dei più solerti a sostituire l’azienda casertana per non far rimanere le strade sporche.

Secondo le pochissime indiscrezioni trapelate, a convincere la prefettura di Caserta a disporre lo stop alla Alba Paciello, la cui omonima titolare è una donna di 84 anni, varie informative recenti di Dia, carabinieri, questura e nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza, quindi quando già il Comune di Caivano aveva appaltato il servizio da tempo, e i problemi giudiziari di un parente stretto della titolare.

Intanto, domani sera (24 Aprile) si terrà a Caivano un consiglio comunale monotematico per discutere della spazzatura (circa 21mila tonnellate) che la Provincia sta spedendo allo Stir di Pascarola e sarà inevitabile non parlare della vicenda Paciello, la quale, al di là dell’interdittiva antimafia di oggi, ha sempre fatto capolino nelle discussioni fra maggioranza ed opposizione.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like