CAIVANO. Percolato a terra, i vigili denunciano la ditta Paciello

on mag 2, 13 • by • with Commenti disabilitati su CAIVANO. Percolato a terra, i vigili denunciano la ditta Paciello

(ARTICOLO DI FRANCESCO CELIENTO) CAIVANO – Illecita gestione dei rifiuti. Con questa accusa sono stati denunciati all’autorità giudiziaria competente l’amministratore della ditta Alba Paciello, Gianfranco Albanese, ed un autista della stessa azienda La polizia locale, in via Marcigliano, traversa di via S....
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale » CAIVANO. Percolato a terra, i vigili denunciano la ditta Paciello

(ARTICOLO DI FRANCESCO CELIENTO) CAIVANO – Illecita gestione dei rifiuti. Con questa accusa sono stati denunciati all’autorità giudiziaria competente l’amministratore della ditta Alba Paciello, Gianfranco Albanese, ed un autista della stessa azienda

La polizia locale, in via Marcigliano, traversa di via S. Arcangelo, una zona di campagna, dopo varie segnalazioni, ha fermato un auto compattatore della spazzatura, che nel trasbordo dei rifiuti da un mezzo piccolo, ha provocato la fuoriuscita di percolato sul manto stradale. Il liquido inquinante, come si sa, se non rimosso subito, entra nel terreno e rischia di contaminare la falda acquifera. L’automezzo è stato posto sotto sequestro giudiziario, come prevede la prassi dai vigili urbani di Caivano guidati dal maggiore Alborino, i quali hanno scoperto tutto.

Il trasbordo dei rifiuti da un camion all’altro è lecito purché non cada nulla in terra, nemmeno una carta, spesso si fa quest’operazione perché, per ragioni logistiche, nelle strade strette della città vengono usati piccoli camion.

La ditta Alba Paciello gestisce, ormai a trattativa privata da lungo tempo, il servizio di spazzamento e raccolta rifiuti nonché la manutenzione del verde pubblico, delle fogne e delle caditoie a Caivano.

Non sono poche le lamentele dell’utenza che paga peraltro una tassa salata, spesso viene saltata qualche zona o strada e la spazzatura rimane sui marciapiedi.

La gara europea da 25 milioni di euro, avviata dall’allora commissario Valentini nel 2010, quando già doveva essere assegnata, viaggia fra rinvii ed annullamenti, tutti decisi dall’amministrazione Falco. Insomma, sembra l’eterna promessa del ponte sullo Stretto di Messina.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like