scuolabus

CAIVANO. RUBATO UNO SCUOLABUS DAL CORTILE DELL’ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI

on feb 6, 15 • by • with Commenti disabilitati su CAIVANO. RUBATO UNO SCUOLABUS DAL CORTILE DELL’ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI

(ARTICOLO DI GIUSEPPE BIANCO) Caivano – Ennesimo furto al Comune di Caivano. Sale la tensione, indagano i Carabinieri della locale Tenenza. Dopo l’auto del di servizio Prefetto Contarino, stavolta a finire nel mirino del ladri uno scuolabus utilizzato per il trasporto alunni sul territorio. I due fatti con...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale, Testata » CAIVANO. RUBATO UNO SCUOLABUS DAL CORTILE DELL’ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI

(ARTICOLO DI GIUSEPPE BIANCO) Caivano – Ennesimo furto al Comune di Caivano. Sale la tensione, indagano i Carabinieri della locale Tenenza. Dopo l’auto del di servizio Prefetto Contarino, stavolta a finire nel mirino del ladri uno scuolabus utilizzato per il trasporto alunni sul territorio. I due fatti con molta probabilità non sono collegati, ma l’anomala sottrazione avvenuta all’interno del cortile degli uffici Politiche Sociali in Corso Umberto, presumibilmente tra la notte del 31 gennaio o il primo febbraio, ha destato non poche perplessità . Un furto strano, subito denunciato dai dipendenti accortisi dell’accaduto, considerato che i malfattori hanno trafugato il veicolo più vecchio a fronte dei tre parcheggiati di cui due nuovissimi. Tra l’altro, al vaglio degli investigatori sarebbe la presunta mancanza di effrazioni. Oltre al danno, il disservizio creato all’utenza scolastica, subito tamponato con il ricorso ad un’associazione di volontariato in attesa di comprare un mezzo nuovo. Un ennesimo episodio che non fa altro che accendere i riflettori su un Comune che nei mesi scorsi ha registrato anche il furto con successivo incendio dell’auto di servizio del Prefetto Antonio Contarino. Anche in quel caso si parlò inizialmente di un semplice furto. Furto verificatisi presso lo stabile comunale in via Alcide De Gasperi, durante le ore notturne, previa effrazione del lucchetto apposto al cancello carrabile, dove ignoti si introdussero all’interno del piazzale adibito a parcheggio dei veicoli comunali asportando la sola autovettura Alfa Romeo 156, quella utilizzata per l’incarico di rappresentanza del commissario straordinario. Anche in quel caso, i ladri ebbero l’ardire di spostare prima le auto parcheggiate dietro l’alfa Romeo, e poi sparirono con la macchina di servizio. Atto dimostrativo o un furto con scasso da manuale ? Le indagini sono ancora in corso. Ad accorgersi del furto anche in quel caso furono gli stessi dipendenti. I furti fanno sempre discutere, creano allarme sociale e l’interesse dei cittadini. Il prefetto Antonio Contarino per molti molto probabilmente è un uomo “scomodo”. Forse non gradito alla criminalità, non ben visto da chi negli anni passati ha fatto affari in città. Da mesi, quasi in solitaria, tranne qualche funzionario e dipendente che lo coadiuva, sta cercando di riportare trasparenza e legalità in quasi tutti i settori della macchina comunale. Si va dagli appalti pubblici, a quello dei rifiuti con la sospensione e la verifica in atto dei requisiti delle ditte aggiudicatarie, al patto della terra dei fuochi con le bonifiche e il controllo dei siti inquinati, al controllo delle ditte impegnate sul territorio, alla costituzione della centrale unica di committenza per il monitoraggio sulle gare, al riscatto morale del Parco Verde. Senza contare sequestri di isole ecologiche e furti di camion della ditta dei rifiuti. Insomma, per il momento ci sono le indagini a tutto spiano.
Giuseppe Bianco

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like