lilt

Caivano. Screening gratuito alla mammella: la parola d’ordine è prevenzione

on nov 22, 14 • by • with Commenti disabilitati su Caivano. Screening gratuito alla mammella: la parola d’ordine è prevenzione

CAIVANO – Grande partecipazione per la manifestazione organizzata dalla Lega italiana per la lotta ai tumori per la prevenzione delle patologie tumorali che colpiscono la mammella. L’evento, denominato “Nastro Rosa”, ormai è rinomato in tutto il territorio nazionale. Quest’ appuntamento intende...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale, Testata » Caivano. Screening gratuito alla mammella: la parola d’ordine è prevenzione

CAIVANO – Grande partecipazione per la manifestazione organizzata dalla Lega italiana per la lotta ai tumori per la prevenzione delle patologie tumorali che colpiscono la mammella. L’evento, denominato “Nastro Rosa”, ormai è rinomato in tutto il territorio nazionale. Quest’ appuntamento intende sensibilizzare le donne, e non solo, sulla tematica per veicolare un messaggio fondamentale: una diagnosi precoce consente una risoluzione del problema nel 95% dei casi.

La manifestazione è stata organizzata dal presidente della locale sezione della LILT, Dott. Giuseppe Celiento da anni impegnato nella prevenzione del tumore, hanno dato lustro al convegno la presenza del Commissario straordinario del Comune di Caivano dott. Antonio Contarino, l’oncologo Adolfo Gallipoli D’Errico dell’istituto Pascale di Napoli, Michele De Luca direttore sanitario del distretto 45 dell’Asl Na2 Nord, l’oncologo Roberto Mabilia e don Peppino Esposito della parrocchia di San Pietro.

La prevenzione – ha asserito Celiento – è uno strumento fondamentale per risolvere con successo e nel modo meno invasivo possibile le neoplasie della mammella. Questa patologia riscontra 40000 nuovi casi annui stimato nel 4-5% nelle donne sotto la soglia dei 40 anni, 20-25% fra 40 e 50 anni e 45% circa fra i 50 e i 69. Le indagini che vanno fatte sono diverse a seconda dell’età della donna tra i 20 e i 40 anni è consigliata un’ecografia, dopo i 40 vanno fatti screening di mammografie perché il seno è meno denso.

L’oncologo D’ Errico, dal canto suo, ha ringraziato il numeroso pubblico presente esortandolo a veicolare il messaggio che la prevenzione è uno strumento che permette di salvare innumerevoli vite e che non bisogna aver paura perché la paura è il peggiore dei mali. La manifestazione che si estende su un arco temporale alquanto lungo concede la possibilità di prenotare visite senologiche gratuite.
Un complimento speciale va a tutti i volontari che si sono prodigati per la buona riuscita dell’evento, i quali hanno illuminato di rosa il campanile della chiesa di San Pietro.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like