CON LA TECNICA DEL “FILO DI BANCA” RAPINARONO 7 GIORNI FA UN COMMERCIANTE: 3 PERSONE FERMATE

on set 26, 12 • by • with Commenti disabilitati su CON LA TECNICA DEL “FILO DI BANCA” RAPINARONO 7 GIORNI FA UN COMMERCIANTE: 3 PERSONE FERMATE

Credevano di averla fatta franca, ignorando che gli agenti del Commissariato di P.S. “Giugliano-Villaricca” erano sulle loro tracce, sino a quando stamani, non hanno sentito i poliziotti bussare alla loro abitazione. Bruno CECERE, pregiudicato di 30 anni, Salvatore BOTTA, pregiudicato di 36 anni, Alfonso FALANGA,...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale » CON LA TECNICA DEL “FILO DI BANCA” RAPINARONO 7 GIORNI FA UN COMMERCIANTE: 3 PERSONE FERMATE

Credevano di averla fatta franca, ignorando che gli agenti del Commissariato di P.S. “Giugliano-Villaricca” erano sulle loro tracce, sino a quando stamani, non hanno sentito i poliziotti bussare alla loro abitazione.
Bruno CECERE, pregiudicato di 30 anni, Salvatore BOTTA, pregiudicato di 36 anni, Alfonso FALANGA, di 41 anni, con pregiudizi di Polizia, sono stati sottoposti a fermo di P.G., perché responsabili, in concorso tra loro, di rapina aggravata.
FALANGA, individuato come “basista” del terzetto, mercoledì scorso, dopo essersi introdotto nella filiale della Banca Popolare di Novara, al Corso Campano in Giugliano (NA), ha seguito tutti i movimenti di un correntista che stava effettuando un prelievo di denaro contante pari a €.2.000,00.
Ad operazione avvenuta, FALANGA ha seguito sino a fuori l’istituto di credito la vittima, vedendola salire a bordo di un’autovettura.
La vittima, raggiunta la sua officina meccanica, è stato bloccato da due individui che, arma in pugno, si sono impossessati della somma di denaro poco prima prelevata in banca.
Denunciando l’accaduto alla Polizia, gli agenti hanno subito avviato le indagini recandosi in banca per acquisire le immagini del sistema di videosorveglianza.
Dalle immagini estrapolate, i poliziotti hanno potuto accertare che, l’unico che non si era munito di numero alla macchinetta “elimina code” era proprio FALANGA e che lo stesso, seguiva tutti i movimenti della vittima.
Da ulteriori indagini, i poliziotti sono riusciti ad accertare la frequentazione dello stesso con BOTTA e CECERE.
La vittima, che al momento della rapina era in compagnia del fratello, aveva visto in volto i due rapinatori, tanto da riconoscerli prima fotograficamente e poi attraverso individuazione personale.
I poliziotti, dopo aver cercato di rintracciare i tre presso i rispettivi domicili sono riusciti, stamani, a bloccare BOTTA nel Comune di Castelvolturno località Scalzone, CECERE in una zona periferica del Comune di Giugliano in Campania e FALANGA presso l’abitazione paterna in Giugliano, invece che presso l’abitazione coniugale, conducendoli al carcere di Poggioreale.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like