Sallusti lascia Il Giornale. Oggi altra udienza

on set 27, 12 • by • with Commenti disabilitati su Sallusti lascia Il Giornale. Oggi altra udienza

Alessandro Sallusti lascia la direzione del Giornale dopo la conferma da parte della Cassazione della sua condanna a 14 mesi per diffamazione aggravata, pena sospesa in quanto non recidivo. Oggi in Tribunale a Milano è in programma l’udienza preliminare di un altro processo a suo carico, sempre per...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Nazionale, Testata » Sallusti lascia Il Giornale. Oggi altra udienza

Alessandro Sallusti lascia la direzione del Giornale dopo la conferma da parte della Cassazione della sua condanna a 14 mesi per diffamazione aggravata, pena sospesa in quanto non recidivo. Oggi in Tribunale a Milano è in programma l’udienza preliminare di un altro processo a suo carico, sempre per diffamazione, ai danni del procuratore militare di Padova, Maurizio Block.

Ad Alessandro Sallusti, il direttore del Giornale condannato in Cassazione a 14 mesi di reclusione per diffamazione, verra’ ‘automaticamente’ sospesa l’esecuzione della pena detentiva dalla Procura della Repubblica di Milano, in quanto risulta non avere cumuli di pena ne’ recidive. Lo ha spiegato il Procuratore Bruti Liberati.

”Ho appena annunciato ai miei giornalisti che stasera mi dimetto”, aveva detto Sallusti a caldo. ”Mi rifiuto di essere rieducato da qualcuno, credo che l’affidamento deve avvenire per qualcuno che spaccia droga magari anche per qualche politico che ruba”, ha detto il direttore del Giornale, spiegando di non avere intenzione di chiedere l’affidamento ai servizi sociali.

”Mi rifiuto di chiedere la grazia al presidente Napolitano, perche’ credo che in quanto capo della magistratura italiana in questi 7 anni non abbia difeso a sufficienza i cittadini dall’invadenza di una giustizia politicizzata’. Lo ha detto Alessandro Sallusti a Pomeriggio 5. Il direttore ha spiegato di aver accettato di parlare in diretta con Barbara d’Urso, la conduttrice del contenitore di Canale 5 per la lunga amicizia che li lega e non di non avere alcuna intenzione di rilasciare altre interviste

Il ministro della Giustizia Paola Severino non commenta la sentenza della Cassazione sul direttore del Giornale, ma ribadisce ”la necessità di intervenire al più presto sulla disciplina della responsabilità per diffamazione del direttore responsabile”.

Spazi bianchi in prima pagina: li chiede la Giunta della Federazione Nazionale della Stampa Italiana come ”segni tangibili di protesta”, per la condanna di Sallusti e per evidenziare ”la mostruosita’ di queste norme affinche’ siano cancellate al piu’ presto”

Con una nota dell’ufficio stampa della Suprema Corte, la Cassazione ritiene che ”e’ opportuno precisare” aspetti del ‘caso Sallusti’ ”non esattamente evidenziati dalla stampa nei giorni scorsi”. Per prima cosa la falsita’ della notizia contenuta nell’articolo anonimo attribuito a Sallusti.

La decisione su Alessandro Sallusti è “sconvolgente”, per il segretario Fnsi Franco Siddi. “E’ una norma illiberale nell’ordinamento di paese dalla costituzione democratica – aggiunge Siddi all’ANSA – che sconfigge e mortifica la libertà di espressione, e priva un uomo della libertà personale. I giornalisti sapranno dare una risposta unitaria e straordinaria, oggi dobbiamo sentirci tutti condannati come Sallusti”.

Sallusti e’ imputato in un altro procedimento per diffamazione ai danni di un altro magistrato. Domani mattina l’udienza preliminare in tribunale a Milano. Sallusti, condannato oggi per aver diffamato il magistrato Giuseppe Cocilovo, rispondera’ dell’accusa di omesso controllo in qualita’ di direttore in un procedimento per diffamazione nato dalla querela del procuratore militare di Padova, Maurizio Block. Al centro del procedimento un’intervista.

ansa.it

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like