SCONFITTA FIAT: “DEVE ASSUMERE I 145 OPERAI DELLA FIOM”

on ott 19, 12 • by • with Commenti disabilitati su SCONFITTA FIAT: “DEVE ASSUMERE I 145 OPERAI DELLA FIOM”

(ANSA) La Corte d’appello di Roma ha dato ragione alla Fiom sulla assunzione di 145 lavoratori iscritti al sindacato dei metalmeccanici Cgil nello stabilimento della Fiat di Pomigliano D’Arco. Lo fa sapere la Fiom. Lo scorso 21 giugno il Tribunale di Roma aveva condannato la Fiat per discriminazioni contro...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Nazionale, Testata » SCONFITTA FIAT: “DEVE ASSUMERE I 145 OPERAI DELLA FIOM”

(ANSA) La Corte d’appello di Roma ha dato ragione alla Fiom sulla assunzione di 145 lavoratori iscritti al sindacato dei metalmeccanici Cgil nello stabilimento della Fiat di Pomigliano D’Arco. Lo fa sapere la Fiom.

Lo scorso 21 giugno il Tribunale di Roma aveva condannato la Fiat per discriminazioni contro la Fiom a Pomigliano disponendo che 145 lavoratori con la tessera del sindacato di Maurizio Landini venissero assunti nella fabbrica. Alla data della costituzione in giudizio alla fine di maggio su 2.093 assunti da Fabbrica Italia Pomigliano nessuno risultava iscritto alla Fiom. Ad agosto la Corte d’appello aveva giudicato “inammissibile” la richiesta della Fiat di sospendere l’ordinanza di assunzione per i 145 iscritti alla Fiom riconoscendo una discriminazione ai danni del sindacato nelle riassunzioni dei dipendenti dello stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco.

“Una buona notizia”. E’ il commento della leader della Cgil, Susanna Camusso sulla decisione della Corte d ‘Appello di Roma che ha dato ragione alla Fiom sull’assunzione dei 145 lavoratori di Pomigliano. Camusso conclude oggi gli Stati Generali della Cgil lombarda.

BONANNI, NO CHIUSURE ITALIA, IL 29 NUOVO INCONTRO CON MARCHIONNE – “Marchionne ci ha assicurato che nessuna fabbrica chiuderà in Italia. Ci incontreremo di nuovo il prossimo 30 ottobre”, un incontro per esaminare “il programma che la Fiat intende portare avanti opificio per opificio”. Così il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, nel corso della conferenza stampa tenuta stamani a Salerno prima dell’inizio dei lavori del consiglio generale della Cisl Campania. “Il fatto che la Fiat non chiuda in Italia – ha detto Bonanni – per noi è un fatto positivo”.

Secondo Bonanni la mancata chiusura di stabilimenti Fiat in Italia è un fatto positivo “alla luce anche delle notizie che giungono da altre fabbriche costruttrici di automobili europee che chiuderanno parecchi opifici nel continente. Ritengo – ha concluso – che in questo momento bisogna lavorare molto di più sui fronti dell’innovazione e della ricerca”.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like