Due mesi, muore nella culla scatta l’inchiesta in ospedale

on ott 27, 12 • by • with Commenti disabilitati su Due mesi, muore nella culla scatta l’inchiesta in ospedale

BENEVENTO – Si tinge di giallo la morte di una neonata di soli due mesi avvenuta nella serata di giovedì. Ed a cercare di fare piena luce su quanto accaduto è stato il magistrato Pizzillo. I funerali della bimba che erano stati già programmati per questa mattina sono stati annullati. Eppure a Morcone, dove è...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale » Due mesi, muore nella culla scatta l’inchiesta in ospedale

BENEVENTO – Si tinge di giallo la morte di una neonata di soli due mesi avvenuta nella serata di giovedì. Ed a cercare di fare piena luce su quanto accaduto è stato il magistrato Pizzillo. I funerali della bimba che erano stati già programmati per questa mattina sono stati annullati. Eppure a Morcone, dove è avvenuta la tragedia erano stati già affissi i manifesti nei quali si annunciava l’ora dello svolgimento dei funerali e la chiesa dove si sarebbe dovuto celebrare il rito religioso.

Il giudice, dopo aver ascoltato le persone che hanno vissuto in prima persona tutte le fasi della tragedia, ha disposto il sequestro del corpicino e nella stessa mattinata di oggi conferirà l’incarico per effettuare l’autopsia. 

L’intera comunità è sconvolta per la tragedia. Sembrava un pomeriggio come tanti quello di giovedì in casa di Melissa: nel primo pomeriggio, la solita poppata per la piccola che è stato poi posta in culla dalla mamma. Poi dopo un po’, la stessa mamma va a controllare che tutta sia tranquillo ma si accorge che qualcosa non va. Melissa è quasi cianotica, respira in maniera irregolare.

Decide di chiamare subito la pediatra di famiglia che, non appena ricevuta la telefonata, si reca nell’abitazione della piccola. La dottoressa intuisce subito la gravità della situazione, presta i primi soccorsi ed allerta il 118. Ma qui sorge la prima complicazione. L’autoambulanza del presidio di Morcone si trova a Circello per prestare un altro soccorso. Allora si chiede l’intervento di un mezzo. È disponibile quello del 118 di Benevento. Ovviamente per raggiungere Morcone dal capoluogo passa circa mezz’ora. E per accelerare il percorso di ritorno si chiede l’intervento di una gazzella dei carabinieri della locale Stazione.

Intanto le condizioni della piccola neonata si fanno sempre più critiche anche se la neonata ha reagito alle manovre della dottoressa. Dalla sua abitazione è una folle corsa verso l’ospedale quella dell’automabulanza preceduta dall’auto-staffetta dei carabinieri. Al pronto soccorso del «Rummo« ad attendere la piccola c’è già una equipe di medici. Si tenta di tutto per strapparla alla morte.

Sono momenti frenetici ma ogni speranza viene meno intorno alle 22.30 quando il piccolo cuoricino di Melissa cessa di battere gettando nella più cupa disperazione i genitori e gli altri familiari che, nel frattempo, avevano raggiunto il nosocomio beneventano. Ora il corpicino di Melissa è disteso sulla fredda pietra di marmo dell’obitorio del Rummo nell’attesa che si faccia piena luce sull’accaduto. I carabinieri di Morcone hanno ieri pomeriggio sentito i genitori (entrambi operatori socio-sanitari con altri due figli) che hanno ribadito le fasi della vicenda e la questione dei soccorsi.

ilmattino.it

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like