Ercolano, dramma del lavoro, fioraio si dà fuoco e si getta dal Comune: muore in ospedale

on giu 10, 13 • by • with Commenti disabilitati su Ercolano, dramma del lavoro, fioraio si dà fuoco e si getta dal Comune: muore in ospedale

ERCOLANO – Dramma del lavoro e ore di grande tensione ad Ercolano. Lo sconcertante episodio è avvenuto proprio nella casa comunale. Un fioraio, Antonio Formicola, titolare di una piccola attività a conduzione familiare si è dato fuoco poco e poi si è lanciato dal primo piano del palazzo del Comune dopo aver...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale, Testata » Ercolano, dramma del lavoro, fioraio si dà fuoco e si getta dal Comune: muore in ospedale

ERCOLANO – Dramma del lavoro e ore di grande tensione ad Ercolano. Lo sconcertante episodio è avvenuto proprio nella casa comunale.

Un fioraio, Antonio Formicola, titolare di una piccola attività a conduzione familiare si è dato fuoco poco e poi si è lanciato dal primo piano del palazzo del Comune dopo aver avuto un rifiuto alla sua richiesta di incontrare il sindaco, che gli avrebbe rifiutato alcune autorizzazioni sull’esercizio della sua attività: in particolare di tratterebbe della possibilità di poter lasciare in sosta il suo furgone dinanzi al negozio. Autorizzazione rifiutata stamane ancora una volta con il no a dialogare direttamente col primo cittadino.

Inutile la corsa all’ospedale napoletano Cardarelli: il fioraio, ricoverato nel reparto grandi ustionati, è morto poco dopo le undici e trenta.

L’uomo era peraltro un esercente noto in Comune perchè aveva collaborato per piccole manifestazioni ed iniziative pubbliche.

Ma la tragedia ha avuto un secondo ed incredibile epilogo. Nel tentativo di soccorrere Formicola si è sfiorata un’altra tragedia: qualcuno, infatti, ha gettato da un balcone un estintore che però ha colpito alla testa una delle persone che cercava di aiutare il fioraio. Un passante.

Costui, Rocco (se ne conosce con certezza solo il nome) è stato gravemente ferito alla testa ed è anch’egli in ospedale con prognosi riservata.

Intanto ai piedi del Comune si sono raccolte centinaia di persone che protestano contro l’amministrazione. Ma il sindaco fa sapere che solitamente accoglie le richieste di incontro con piccoli imprenditori locali, il rifiuto di stamane era semplicemente dovuto a “un’agenda che prevedeva una serie di altri impegni”.

Fonte: REPUBBLICANAPOLI.IT

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like