ercolano

Ercolano, parla il supertestimone: «Pagavo il pizzo come una tassa, poi ho capito che così sarei morto»

on mar 6, 14 • by • with Commenti disabilitati su Ercolano, parla il supertestimone: «Pagavo il pizzo come una tassa, poi ho capito che così sarei morto»

«Mi chiamo Filippo Nocerino, ho cinquantacinque anni e dall’età di quindici sono nel mondo dell’edilizia: fino al 2000 ho sempre pagato il pizzo, consapevole del fatto che, per lavorare nelle nostre zone, devi considerare la tassa della tranquillità un’uscita fissa nel bilancio della tua azienda». Sul banco...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale, Testata » Ercolano, parla il supertestimone: «Pagavo il pizzo come una tassa, poi ho capito che così sarei morto»

«Mi chiamo Filippo Nocerino, ho cinquantacinque anni e dall’età di quindici sono nel mondo dell’edilizia: fino al 2000 ho sempre pagato il pizzo, consapevole del fatto che, per lavorare nelle nostre zone, devi considerare la tassa della tranquillità un’uscita fissa nel bilancio della tua azienda».

Sul banco dei testimoni compare un uomo coraggioso: uno di quegli imprenditori che ha saputo dire no al racket. Di più: perché Filippo Nocerino, imprenditore di Ercolano, non solo ha saputo resistere alle temibili cosche del Comune vesuviano (i Birra e gli Ascione), ma ha fatto anche arrestare i «signori del pizzo» di San Giovanni a Teduccio.

Dal 2010 vive sotto scorta, inserito nel programma di protezione riservato ai testimoni di giustizia. Ieri mattina Nocerino ha iniziato la sua deposizione davanti ai giudici della sesta penale, chiamati a giudicare undici imputati, tutti considerati affiliati ad altri tre clan di camorra napoletani: i Mazzarella, i Rinaldi-Reale e i Formicola. Per questo processo si sono costituiti parte civile la Fai (in aula c’erano anche il presidente onorario, Tano Grasso, e la coordinatrice regionale Silvana Fucito) e il Comune di Napoli, Sos Impresa e il ministero dell’Interno. Presenti in aula anche Nino Daniele, ex sindaco di Ercolano, e il primo cittadino attuale, Vincenzo Strazzullo.

fonte: ilmattino.it

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like