FINANZA

LA GUARDIA DI FINANZA SEGUE UN AUTOARTICOLATO E SCOPRE UNA CENTRALE DEL FALSO

on dic 20, 13 • by • with Commenti disabilitati su LA GUARDIA DI FINANZA SEGUE UN AUTOARTICOLATO E SCOPRE UNA CENTRALE DEL FALSO

Oltre 57mila paia di calzature con i loghi contraffatti «Nike», «Adidas» e «Hogan», tutte di ottima fattura, erano accuratamente stoccate in un capannone ubicato nella provincia di Caserta, scoperto dalle Fiamme Gialle del Gruppo di Fiumicino. L’operazione è iniziata di notte, sull’autostrada...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale, Testata » LA GUARDIA DI FINANZA SEGUE UN AUTOARTICOLATO E SCOPRE UNA CENTRALE DEL FALSO

Oltre 57mila paia di calzature con i loghi contraffatti «Nike», «Adidas» e «Hogan», tutte di ottima fattura, erano accuratamente stoccate in un capannone ubicato nella provincia di Caserta, scoperto dalle Fiamme Gialle del Gruppo di Fiumicino. L’operazione è iniziata di notte, sull’autostrada Milano-Napoli, quando una pattuglia del reparto aeroportuale incrocia un autoarticolato con targa bulgara. Era scortato da due autovetture di staffetta, e viaggiava verso sud.

I finanzieri si sono messi discretamente in coda al corteo che è uscito al casello di Caserta nord e si è diretto a a Maddaloni. Il convoglio è arrivato ad un immenso capannone industriale dove alcune persone erano pronti per scaricare la merce.

Arrivati rinforzi chiestio nel frattempo i finanzieri intervengono. Nell’autoarticolato e nel magazzino tonnellate di scarpe contraffatte. Scarpe di ottima fattura, peraltro. Adattissime ad essere spacciate per autentiche copo essere costate alla produzione i pochi euro pagati agli operai-schiavi del circuito dei laboratori campani.

Dai primi accertamenti è emerso che il deposito era riconducibile a quattro persone, tre marocchini e un cinese: probabile anello intermedio di una catena distributiva che parte dai laboratori gestiti dalla criminalità organizzata nell’hinterland napoletano.

I quattro sono stati denunciati per i reati di ricettazione e di importazione e deposito di capi contraffatti. Da un calcolo approssimativo, si stima che, se immessa sul mercato, tutta la merce sequestrata avrebbe fruttato all’organizzazione circa 1,4 milioni di euro.

ILMATTINO.IT

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like