MARCIANISE-CAIVANO, VANE LE RICERCHE DI PAOLO MALAFRONTE

on apr 26, 13 • by • with Commenti disabilitati su MARCIANISE-CAIVANO, VANE LE RICERCHE DI PAOLO MALAFRONTE

ULTIMISSIME ATTENZIONE A TUTTI GLI AMICI DI FACEBOOK !!! I CARABINIERI DI ROMA AVREBBERO RIFERITO ALLA FAMIGLIA DI PAOLO CHE LO STESSO IL GIORNO 28 APRILE AVREBBE DENUNCIATO LA SCOMPARSA DEI PROPRI DOCUMENTI ! PER TANTO ESORTO A TUTTI COLORO CHE AVESSERO PARENTI ED AMICI NELLA CAPITALE A MOSTRARE LA FOTO DI PAOLO !!!!...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale » MARCIANISE-CAIVANO, VANE LE RICERCHE DI PAOLO MALAFRONTE

ULTIMISSIME ATTENZIONE A TUTTI GLI AMICI DI FACEBOOK !!! I CARABINIERI DI ROMA AVREBBERO RIFERITO ALLA FAMIGLIA DI PAOLO CHE LO STESSO IL GIORNO 28 APRILE AVREBBE DENUNCIATO LA SCOMPARSA DEI PROPRI DOCUMENTI ! PER TANTO ESORTO A TUTTI COLORO CHE AVESSERO PARENTI ED AMICI NELLA CAPITALE A MOSTRARE LA FOTO DI PAOLO !!!!

 

 

(ARTICOLO DI FRANCESCO CELIENTO) MARCIANISE – Vasta battuta dell’Arma dei Carabinieri e dei volontari per ricercare Paolo Malafronte, il 35 enne di Caivano che lavora a Marcianise, presso l’outlet “La Reggia”, da cui ha fatto perdere le tracce.

Dalle 8 alle 15 i carabinieri di Casoria e Caivano e della compagnia di Santa Maria Capua Vetere, supportati da un elicottero dell’elinucleo di Pontecagnano, hanno setacciato palmo a palmo la zona industriale di Marcianise, la strada provinciale Marcianise-Maddaloni, il viale Carlo III, le aree nei dintorni dell’outlet e del centro Campania e il territorio confinante di Caivano, fino a località Omomorto. Per fortuna non è stato trovato nulla, quindi è da escludere che la persona scomparsa si possa essere subito suicidato o gli sia accaduto qualcosa di grave dopo l’allontanamento dal posto di lavoro, avvenuto alle ore 14 di domenica 14 Aprile.

All’operazione, voluta dall’Arma – le indagini sono condotte dalla tenenza di Caivano su delega della Procura di Santa Maria Vetere -, hanno collaborato i cani dei vigili del fuoco di Caserta addestrati alla ricerca di persone, i vigili di protezione civile di Caivano e Cardito, i carabinieri in congedo di Afragola,la Misericordiad’Italia sezione di Acerra e molti volontari, soprattutto amici e parenti di Paolo Malafronte.

I carabinieri hanno effettuati scatti aerofotogrammetici dall’alto, di tutta la vasta zona, pur di non lasciare nulla d’intentato. L’ipotesi è stata presa in considerazione perché lo scomparso avrebbe spento il cellulare proprio all’ora in cui si è volatilizzato o magari può averlo anche buttato via, era a piedi, aveva pochi spiccioli in tasca e dalla tessera bancomat non risultano prelievi successivi alla sparizione. Sicuramente è stata una fuga d’impeto, piuttosto che organizzata.

Le telecamere del centro commerciale dove lavorava Paolo lo hanno inquadrato mentre usciva, a passo veloce, dall’ingresso principale dell’outlet e si incamminava verso la rampa che conduce a Caserta e al Campania, ma purtroppo il raggio d’azione degli occhi elettronici non vede oltre.

Un vero mistero, quindi. L’altra sera la sorella è stata ospite della trasmissione “Chi l’ha visto?”, ma l’unica segnalazione giunta al programma di Rai 3 – successiva alla puntata del 18 Aprile dove è stata mostrata la fotografia di Paolo Malafronte per la prima volta – si è rivelata infondata. Una persona ha chiamato la redazione di “Chi l’ha visto?” dicendo di aver visto alla stazione di Milano un uomo molto somigliante allo scomparso, ma i familiari, che si sono immediatamente recati nel capoluogo lombardo, non hanno trovato Paolo, ne nel grande terminal ferroviario ne presso le mense gestite dalla Caritas.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like