BAMBINA

Operata e ricoverata, bimba di 4 anni cacciata dalla scuola: «Troppe assenze»

on mar 8, 14 • by • with Commenti disabilitati su Operata e ricoverata, bimba di 4 anni cacciata dalla scuola: «Troppe assenze»

Si assenta per diversi giorni da scuola a causa di un lungo periodo di malattia. Quando torna all’asilo, mano nella mano con il papà, trova i cancelli sbarrati: per lei non c’è più posto. La preside del plesso Lavinaio di Melito Giovanna De Vita l’ha depennata dall’elenco. A soli 4 anni,...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale, Testata » Operata e ricoverata, bimba di 4 anni cacciata dalla scuola: «Troppe assenze»

Si assenta per diversi giorni da scuola a causa di un lungo periodo di malattia. Quando torna all’asilo, mano nella mano con il papà, trova i cancelli sbarrati: per lei non c’è più posto.

La preside del plesso Lavinaio di Melito Giovanna De Vita l’ha depennata dall’elenco. A soli 4 anni, dopo aver subito anche un intervento chirurgico per adenoidi e tonsille, la piccola è mandata via. Da tre settimane non ha più il diritto di sedere sulla sua sediolina accanto ai compagni di classe.

Questa mattina a scuola c’erano anche i carabinieri della tenenza di Melito che hanno acquisito dei documenti per vederci chiaro. A denunciare questa triste storia il papà della piccola Ciro Murolo sconcertato per quanto accaduto. Da settimane tenta di riportare la piccola a scuola. La bimba tutte le mattine mette lo zainetto in spalla e attende accanto alla porta che i genitori la riportino in classe.

Il rappresentante del consiglio di istituto Vincenzo Bortone invece ha richiesto un consiglio urgente e raccolto le firme di alcune mamme. Tantissima solidarietà per una vicenda che ha dell’incredibile. La legge prevede che per 65 assenze su 100 giorni ci sia l’espulsione, il papà però si appella all’umanità delle istituzioni per tutelare una bambina che ha subito ricoveri, operazioni e diverse malattie.

«Che esempio l’istituzione scolastica e la società stanno dando a mia figlia? – dice amareggiato Ciro – Avere una salute cagionevole non è ammesso dalle Norme scolastiche a cui questa dirigente fa riferimento? La sensibilità dei bambini può essere calpestata in questo modo crudele?».

Ad intervenire sul caso anche il sindaco Venanzio Carpentieri: «Ho parlato con i genitori e cercherò di capire cosa è accaduto. Chiederò un’appuntamento con la preside. Mi rendo conto della legge, ma qui parliamo di una bimba di 4 anni che può avere anche delle ripercussioni e delle conseguenze sulla sua socialità».

FONTE: ILMATTINO.IT

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like