Schianto fatale in scooter, muore a diciassette anni

on ott 11, 12 • by • with Commenti disabilitati su Schianto fatale in scooter, muore a diciassette anni

SAN PRISCO. Un impatto terribile, Poi la corsa in ospedale e la speranza di una ripresa. Purtroppo vana. Ieri mattina Giuseppe Russo, 17 anni di San Prisco, è morto all’ospedale di Caserta dove era stato trasportato la sera precedente in seguito a un incidente stradale. Il giovane era a bordo del suo scooter ,...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale » Schianto fatale in scooter, muore a diciassette anni

SAN PRISCO. Un impatto terribile, Poi la corsa in ospedale e la speranza di una ripresa. Purtroppo vana. Ieri mattina Giuseppe Russo, 17 anni di San Prisco, è morto all’ospedale di Caserta dove era stato trasportato la sera precedente in seguito a un incidente stradale. Il giovane era a bordo del suo scooter , stava percorrendo la strada Nazionale Appia che collega San Prisco a Caserta quando ha impattato contro un’auto che stava immettendosi nella circolazione da una strada perpendicolare a quella principale. 

Il sinistro è avvenuto all’altezza del centro commerciale Apollo, nel Comune di Casapulla. Secondo la ricostruzione effettuata dai carabinieri della compagnia di Santa Maria Capua Vetere, giunti sul posto, il giovane avrebbe sorpassato un’auto che aveva rallentato per dare la precedenza a un’altra vettura guidata da una giovane donna. L’impatto è stato violento. L’auto con a bordo la ragazza pare avesse già impegnato l’incrocio e non avrebbe potuto fare nulla per evitare lo scontro. Ad avere la peggio è stato Giuseppe Russo che è stato trasportato immediatamente all’ospedale civile «Sant’Anna e San Sebastiano» di Caserta. Ai medici che lo hanno sottoposto alle prime cure del caso le sue condizioni sono apparse da subito gravi, il 17enne ha lottato fino alla fine poi il suo cuore ha smesso di battere ieri mattina. Un dolore incredibile quello che ha travolto la sua famiglia e i suoi amici.

In tanti nel primo pomeriggio di ieri si sono ritrovati in ospedale per stare accanto ai genitori di Giuseppe. Senza alcun appuntamento, alla spicciolata sono arrivati nel cortile del nosocomio. Facce tristi e animi straziati per la perdita del loro amico. La notizia d’altra parte si è sparsa immediatamente a San Prisco, città dove era cresciuto e soprattutto su facebook. È stato il noto social network ad accogliere i primi commenti increduli di quanti Giuseppe lo conoscevano da tempo o lo avevano solo visto a bordo del suo scooter percorrere le strade della città. Magari con il borsone sportivo per recarsi agli allenamenti di calcio.

Molto probabilmente è da lì che stava ritornando quando è avvenuto l’incidente. Giuseppe Russo era tifosissimo del Napoli e del Gladiator ma il calcio non si limitava solo a seguirlo, lo praticava anche. Era infatti considerato una giovane promessa dell’Hermes Casagiove, società calcistica che milita nel campionato di Promozione. Affranti i compagni di squadra e la dirigenza.

«Era un ragazzo di una bontà d’animo immensa» fanno sapere dalla società giallorossa del presidente Michele Corsale. Giuseppe aveva tantissimi amici. I compagni della scuola che frequentava, l’istituto tecnico industriale «Giulio Cesare Falco», che hanno appreso ieri mattina del terribile incidente capitato all’amico. Il gruppo di supporters del Gladiator, squadra calcistica sammaritana per la quale tifava il 17enne e che seguiva persino in trasferta.

I componenti del gruppo lo ricorderanno domenica allo stadio in occasione della prossima partita. E poi i compagni di squadra e gli avversari che hanno inviato messaggi di cordoglio alla famiglia e alla dirigenza dell’Hermes Casagiove. Che fosse amato e apprezzato per il suo carattere e per la sua disponibilità lo si comprende anche leggendo i messaggi di cordoglio che – chi lo conosceva – ha affidato ai vari gruppi su facebook dedicati alla sua città di origine, San Prisco. Per ricordarlo i suoi amici hanno anche creato una nuova pagina «In ricordo di Giuseppe Russo» che dopo appena due ore dall’attivazione contava già oltre 500 iscritti. Tutti si sono stretti intorno alla famiglia annientata da questo dolore straziante. Il corpo del 17enne si trova all’istituto di medicina legale dell’ospedale casertano, in attesa di conoscere la data dei funerali.

ilmattino.it

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like