Sequestri della Dia in tutta Italia beni per un milione sottratti ai Casalesi

on nov 5, 12 • by • with Commenti disabilitati su Sequestri della Dia in tutta Italia beni per un milione sottratti ai Casalesi

CASERTA – Ammonta a oltre un milione di euro il valore dei beni sequestrati agli affiliati al clan Casalesi in un’operazione della Dia in corso in tutta Italia. A Napoli, Caserta, Benevento ma anche a Roma, La Spezia, Parma e Monza ed in Brianza si stanno ponendo i sigilli a beni che si ritengono frutto...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Locale » Sequestri della Dia in tutta Italia beni per un milione sottratti ai Casalesi

CASERTA – Ammonta a oltre un milione di euro il valore dei beni sequestrati agli affiliati al clan Casalesi in un’operazione della Dia in corso in tutta Italia. A Napoli, Caserta, Benevento ma anche a Roma, La Spezia, Parma e Monza ed in Brianza si stanno ponendo i sigilli a beni che si ritengono frutto delle attività criminali dell’organizzazione camorristica.

I sequestri sono stati disposti dal Tribunale misure di prevenzione di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) nei confronti di affiliati al clan dei Casalesi.

Sequestrati quote sociali e beni aziendali di diverse società, molte attive nel settore fotovoltaico come la Simec srl, con sede legale a La Spezia, o anche nel settore immobiliare come la Berkeley Italia srl, con sede legale a Parma.

Ed ancora, sequestri anche per la Service Plus srl, con sede legale a Roma ed unità locale nel Casertano, attiva nel settore della commercializzazione di tutti i generi alimentari e non, e per la C.t.i.d.a. Impianti srl, attivata nel settore del trattamento acqua in Italia e all’estero e negli impianti fotovoltaici e solari.

Tali sequestri rientrano nel provvedimento che trae origine dalle indagini nei confronti di Pasquale Pirolo considerato, per lunghi anni, l’alter ego di Antonio Bardellino nel settore degli investimenti economici e condannato in via definitiva per 416 bis. Il secondo provvedimento di sequestro è scattato, invece, dalle indagini a carico di Remolo Simeone, personaggio strettamente legato, non solo da rapporti parentali, con i principali esponenti del clan dei Casalesi ed in particolare con la famiglia Bidognetti.

In questo caso sono stati sequestrati un terreno di oltre 400 metri quadrati nonchè autovetture, capitali e beni strumentali dell’impresa individuale ‘Sgalia Giuseppinà con sede legale a Casal di Principe, relativa all’attività del bar e caffetteria Roxy Bar.

ilmattino.it

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like