Edward contro Stefan: ma i vampiri non lo facevano meglio?!

on set 17, 12 • by • with Commenti disabilitati su Edward contro Stefan: ma i vampiri non lo facevano meglio?!

Contro Dracula non ci sarebbe stata partita, perciò la sfida di oggi è dedicata a questi due adolescenti parecchio attempati: il piuccheperfetto Edward Cullen e il tenebroso Stefan Salvatore. (2005 – the newest) Twilight (Stephenie Meyer) – Primo di quattro libri, Twilight vede protagonista la giovane Bella...
Pin It

Home » Cultura » Edward contro Stefan: ma i vampiri non lo facevano meglio?!

Contro Dracula non ci sarebbe stata partita, perciò la sfida di oggi è dedicata a questi due adolescenti parecchio attempati: il piuccheperfetto Edward Cullen e il tenebroso Stefan Salvatore.

(2005 – the newest)
Twilight (Stephenie Meyer) – Primo di quattro libri, Twilight vede protagonista la giovane Bella Swan, diciassettenne che definire goffa ed impacciata è il più grosso degli eufemismi.
Trasferitasi nella piovosa Forks (che conta 4 o 5 abitanti al massimo, di cui 7 sono dei Freddi), la vita di Bella prende una piega del tutto inaspettata nell’esatto istante in cui i suoi occhi incrociano quelli di Edward Cullen. Questo vampiro gentiluomo e vegetariano che scintilla al sole (neanche fosse ricoperto dei diamantini trash che uscivano su Cioè), s’innamora di lei, come “il leone che s’innamorò dell’agnello”. Come ogni love story che si rispetti, però, Bella si dimentica spesso e volentieri di usufruire delle sue capacità respiratorie in presenza di Edward… e, ovviamente, i cattivi – tre vampiri nomadi e bevitori di sangue umano – sono in agguato pronti a spezzare la relazione da favola durante un ordinario (?!) match di baseball del clan dei Cullen.
La sintassi è semplice, i periodi sono scorrevoli, ma i dialoghi romantici sono più stucchevoli delle frasi dei Baci Perugina.

La citazione: “Per quasi novant’anni ho vissuto tra quelli della mia specie, e della tua… sempre certo di bastare a me stesso, senza sapere ciò che stavo cercando. E senza trovare nulla, perché non eri ancora nata” – Un’iniezione d’insulina, vi prego.

Morale della favola: Edward Cullen è il più grande testimonial del Club Mondiale della Castità: vergine per ben 108 anni (mese più, mese meno), si preoccupa di preservare la virtù della sua innocente fidanzatina. Ma i vampiri non erano quelli trasgressivi?!

Voto: 6.5.

Consigliato a: tutte le ragazzine che non hanno ancora compiuto 17 anni. A suo tempo, Twilight affascinò anche me. Poi sono cresciuta e sono diventata Team Jacob, ma quella è un’altra storia.

***

(1991 – the oldest)
Il diario del vampiro – Il risveglio (Lisa J. Smith) – Quella dei Diari del vampiro è una serie composta da più cicli, per un totale di più di 10 libri. Il problema, però, è che chiamarli “libri” è il primo passo per cadere in errore: con una buona penna tra le mani, persino una liceale alle prime armi avrebbe potuto offrire una struttura grammaticale più logica… senza parlare di uno sviluppo più sensato della trama. L’idea di fondo, seppur banale, appare intrigante: la protagonista, Elena Gilbert, si trova nel bel mezzo di un travolgente triangolo passionale, contesa tra i due fratelli Salvatore. Stefan, quello buono, tenebroso e angosciato (quanto basta, ma non troppo) e Damon, spietato, sexy e completamente privo di regole: è ovviamente il primo ad avere inizialmente la meglio, tra i misteri di una cittadina invasa prima dai vampiri (come Damon e Stefan) e poi – nel corso dei libri successivi – da spiritelli giapponesi e riti voodoo che si allontanano davvero troppo dal mondo che l’autrice avrebbe dovuto descrivere. Passi la fantasia, ma se mettessi una marea di ingredienti in un frullatore farei davvero meno confusione.

La citazione: “«Sei tu lo specchio», le sussurrò di rimando. […] «Io sono lo specchio?», disse a quel punto, sollevando lo sguardo verso di lui.
«Tu hai rubato la mia anima» disse.” –  E ritorna il diabete.

Morale della favola: Stefan Salvatore ha origini italiane, veste sempre di nero, non svela mai troppo di sé, ha fatto sesso di tanto in tanto… ma scrive un diario. Può esistere qualcos’altro, al mondo, in grado di far perdere così tanta virilità ad un uomo?!

Voto: 4.

Consigliato a: nessuno. Passi la trama, che può piacere o meno, ma l’editoria non dovrebbe favorire il commercio di qualcosa così sgrammaticato. Guardate il telefilm, che di quello ne riparliamo presto.

* Rullo di tamburi *

Il verdetto: Edward batte Stefan, ma solo nei libri, e solo perché mi tocca scegliere, e solo per grammatica. Se per puro caso il discorso dovesse spostarsi sulle trasposizioni, Damon batterebbe tutti. Fine della storia.  

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like