FITCH DECLASSA L’ITALIA, ADESSO È A BBB+

on mar 9, 13 • by • with Commenti disabilitati su FITCH DECLASSA L’ITALIA, ADESSO È A BBB+

Fitch ha bocciato l’Italia portando il rating a BBB+ da A- con outlook negativo. Il downgrade riflette fattori chiave tra cui l’esito inconcludente delle elezioni dello scorso 24-25 febbraio, che rende improbabile la formazione di un governo stabile nelle prossime settimane. “La crescente incertezza...
Pin It

Home » Generale, News » FITCH DECLASSA L’ITALIA, ADESSO È A BBB+

Fitch ha bocciato l’Italia portando il rating a BBB+ da A- con outlook negativo. Il downgrade riflette fattori chiave tra cui l’esito inconcludente delle elezioni dello scorso 24-25 febbraio, che rende improbabile la formazione di un governo stabile nelle prossime settimane. “La crescente incertezza politica e un passo indietro sul piano [dell’adozione] di ulteriori riforme rappresenta un fattore avverso per l’economia reale considerata la recessione profonda” in corso nel Paese, si legge nella nota di Fitch. 

Altro elemento che ha portato l’agenzia di rating a bocciare la Penisola è il fatto che “i dati del quarto trimestre [2012] confermano che la recessione in corso in Italia è tra le più gravi in Europa. La posizione di partenza sfavorevole unita ai recenti sviluppi – come l’inatteso calo della disoccupazione e indicatori della fiducia costantemente deboli – aumentano il rischio di una recessione ancora più profonda e persistente”. Fitch si aspetta un calo del Prodotto interno lordo dell’1,8% nel 2013.

Secondo l’agenzia di rating inoltre, il debito pubblico raggiungerà il 130% del Pil nel 2013 contro stime per un 125% realizzate a metà 2012. A ciò si aggiunge il fatto che un “governo debole potrebbe essere più lento e meno capace di rispondere a shock economici esterni o domestici”.

cadoinpiedi.it

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like