«Eliminata da Veline perché mi chiamo come la pornostar Jessica Rizzo»

on set 14, 12 • by • with Commenti disabilitati su «Eliminata da Veline perché mi chiamo come la pornostar Jessica Rizzo»

NAPOLI – «La giuria della trasmissione Veline mi ha eliminato perché mi chiamo come una nota pornostar». Jessica Rizzo,diciannovenne napoletana racconta la sua «amara» avventura come aspirante velina per la trasmissione di Canale 5 Striscia la Notizia. Il sogno di ripercorrere la carriera di Melissa Satta,...
Pin It

Home » Curiosità, News, Notizie flash » «Eliminata da Veline perché mi chiamo come la pornostar Jessica Rizzo»

NAPOLI – «La giuria della trasmissione Veline mi ha eliminato perché mi chiamo come una nota pornostar». Jessica Rizzo,diciannovenne napoletana racconta la sua «amara» avventura come aspirante velina per la trasmissione di Canale 5 Striscia la Notizia.

Il sogno di ripercorrere la carriera di Melissa Satta, Maddalena Corvaglia, Elisabetta Canalis e Miriana Trevisan si è dissolto durante la puntata andata in onda il 6 settembre. Accompagnata dal papà Giovanni, la bionda modella napoletana, diplomata in ragioneria, racconta la sua esperienza al Mattino dopo aver letto sul sito internet Panorama.it l’articolo scritto da uno dei giurati – la giornalista Antonella Piperno – dove si parla anche dell’eliminazione della 19enne di Soccavo, avvenuta in seminifinale, nella puntata condotta da Ezio Greggio.

«Non potevo credere a quanto avevo letto. Le parole scritte dalla giurata – racconta Jessica – mi hanno colpito e la frase che mi ha fatto più male è stata questa: «Non ce la siamo sentiti di mandare in finale una bella bionda ragazza napoletana che si chiamava Jessica Rizzo, proprio come la famosa pornostar. Quando è troppo è troppo». Una battuta della giornalista? Oppure la giuria (che ha dato a Jessica due voti su cinque) ha eliminato la napoletana a causa della sua omonimia con la famosa pornodiva, scegliendo come finalista un’altra concorrente arrivata a parimerito con la Rizzo?

Una lettrice del sito di Panorama – “valentina_forever” – spezza una lancia in favore della 19enne, scrivendo in un commento: «È triste leggere che un’omonimia possa costare così cara nel 2012. Possibile che a una ragazza così bella e genuina vengano bruciate le opportunità solo perché ha il nome di una pornostar? Speriamo almeno che venga ripescata Jessica Rizzo!».

«Non capisco – dice Jessica – il motivo per il quale non meritavo la finale. Veline, però, è stata per me è una bella esperienza. Ringrazio lo staff di Mediaset e quanti hanno collaborato con loro. Mi sono trovata molto bene». Papà Giovanni spinge la figlia a non arrendersi e a continuare il suo cammino nel mondo dello spettacolo. «Mia figlia ha partecipato negli anni scorsi anche alle selezioni per Miss Italia. Le ho consigliato proprio io di intraprendere questa strada ma non pensavo si arrivasse a tanto», racconta con un pizzico di rabbia.

Giovanni Rizzo spiega poi come lui e la moglie decisero, 19 anni fa, di chiamare la figlia Jessica: «A scegliere il nome fu mia moglie per via dei protagonisti delle serie tv dell’epoca. Non c’era alcuna associazione con il nome della famosa pornostar. Non pensavamo – conclude – che il nome di nostra figlia avrebbe dato un giorno questi problemi».

Abbandonato il sogno di diventare una Velina, ad archiviare la vicenda, alla fine, è proprio Jessica: «Cammino con il mio nome e cognome a testa alta – assicura – e non mi interessano i giudizi degli altri. Nome e cognome non possono interrompere la mia strada».

fonte: ilmessaggero.it

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like