IL DOTT. MARFELLA SCRIVE AL DIRETTORE DE "IL MATTINO" SUI RIFIUTI TOSSICI ED INDUSTRIALI.

on feb 19, 13 • by • with Commenti disabilitati su IL DOTT. MARFELLA SCRIVE AL DIRETTORE DE "IL MATTINO" SUI RIFIUTI TOSSICI ED INDUSTRIALI.

Gent.mo DIRETTORE DE IL MATTINO, nel congratularmi per la bella inchiesta pubblicata oggi su IL MATTINO in tema di GRIFFE false prodotte a Napoli, vorrei sottolineare come questo problema sia ben noto a noi MEDICI ISDE CAMPANIA che stiamo affrontando da tempo il gravissimo problema di salute pubblica determinato da...
Pin It

Home » Cronaca, Cronaca Nazionale, News, Notizie flash » IL DOTT. MARFELLA SCRIVE AL DIRETTORE DE "IL MATTINO" SUI RIFIUTI TOSSICI ED INDUSTRIALI.

Gent.mo DIRETTORE DE IL MATTINO,
nel congratularmi per la bella inchiesta pubblicata oggi su IL MATTINO in tema di GRIFFE false prodotte a Napoli, vorrei sottolineare come questo problema sia ben noto a noi MEDICI ISDE CAMPANIA che stiamo affrontando da tempo il gravissimo problema di salute pubblica determinato da “TERRA DEI FUOCHI” di cui il settore merceologico oggi da voi identificato nella inchiesta costituisce la vera spina dorsale ormai da decenni.
come ha dimostrato una altra bella inchiesta di AVVENIRE nello scorso agosto 2012, fatta pero’ nelle industrie che lavorano in nero AL NORD, IN VENETO, va specificato che ad OGNI KG DI BORSA O SCARPA PRODOTTA in regime di evasione fiscale si accompagna ALMENO MEZZO KG DI SCARTO DI LAVORAZIONE (PELLAME, STOFFA, MA ANCHE CANCEROGENI COME COLORANTI E SOLVENTI) CHE, AL CONTRARIO DEL PRODOTTO FINITO, non lascera’ MAI LA CAMPANIA E TERRA DEI FUOCHI PER LO SCORRETTO SMALTIMENTO!
pertanto , sulla base della attivita’ da voi stimata di produzione (annua?) , possiamo quindi calcolare con certezza, E PER QUESTO SOLO COMPARTO PRODUTTIVO, LA PRODUZIONE NELLA SOLA PROVINCIA DI NAPOLI , DI NON MENO DI 200 TONNELLATE (AL GIORNO!) DI MATERIALE DI SCARTO DI RIFIUTO INDUSTRIALE ANCHE PESANTEMENTE TOSSICO (SOLVENTI E COLLANTI CANCEROGENI) CHE QUINDI DI FATTO DEVE ESSERE SMALTITI IN NERO SOVRAPPONENDOSI AI RIFIUTI SOLIDI URBANI !
QUESTA CIFRA E’ ASOSLUTAMENTE LA STESSA DELLA QUANTITA’ DI RIFIUTO SOLIDO URBANO INCENERITA QUOTIDIANAMENTE NELL’ORMAI FAMOSISSIMO INCENERITORE DI VIENNA DOVE PERO’ VENGONO INCENERITI GLI SCARTI ALTAMENTE SELEZIONATI DI RIFIUTI SOLIDI URBANI DOPO UNA RACCOLTA DIFFERENZIATA GIUNTA ORMAI AL 70% !
DOVE FINISCONO QUINDI queste 200 tonnellate al giorno di soli scarti di produzione tossici del solo comparto industriale delle griffe false a Napoli e Provincia?
evidentemente e solo o nei roghi tossici di TERRA DEI FUOCHI, o , come anche tante inchieste hanno dimostrato, all’interno dei rifiuti solidi urbani grazie alla assente raccolta differenziata spinta e a dipendenti raccolta rifiuti urbani compiacenti, e quindi, in ultima analisi , vanno a costituire NON MENO DEL 30% DEL RIFIUTO SOLIDO URBANO CHE poi dobbiamo smaltire gia’ oggi nel MAXIINCENERITORE DI ACERRA E CHE ALCUNI VORREBBERO ANCHE NEL MAXIINCENERITORE , PALESEMENTE QUINDI NON SOLO PER RIFIUTI SOLIDI URBANI, DI NAPOLI EST!!!!
Cominciate adesso a comprendere perche’, da tecnico esperto di flussi di rifiuti, e non solo di rifiuti urbani , ma anche di rifiuti industriali e tossici SONO CONTRARIO DI BASE A UN ULTERIORE E TOSSICO MAXIINCENERITORE A NAPOLI EST CHE INCENTIVEREBBE E NON AZZEREREBBE QUESTA COMPONENTE ANOMALE DI RIFIUTO INDUSTRIALE E TOSSICO PRODOTTO IN REGIME DI EVASIONE FISCALE CHE FINIREBBE OBBLIGATORIAMENTE a danneggiare ulteriormente la salute pubblica dei napoletani gia’ cosi massacrata quotidianamente?
abbiamo una sola possibilita’ per evitare oggi IN ASSENZA NON SOLO DI IMPIANTI IDONEI MA SOPRATTUTTO DI UN EFFICACE MONITORAGGIO E SEPARAZIONE DEI FLUSSI DI RIFIUTI SOLIDI URBANI E INDUSTRIALI PRODOTTI IN REGIME DI EVASIONE FISCALE: controllare quanto meglio possibile la produzione di rifiuto solido urbano a Napoli, e , senza consentire il trasporto su gomma (TIR) di tale materiale , con ditte che gestiscono il trasporto su gomma di entrambi il materiale , quindi opportunamente sovrapponendolo, inviarlo VIA MARE, COME SI FA OGNI GIORNO PER I RIFIUTI TOSSICI, verso impianti tossici di incenerimento il piu’ lontano possibile dai gia’ martirizzati cittadini napoletani! Almeno sino a quando non ci sara’ una raccolta differenziata degna di questo nome e IMPIANTI DI COMPOSTAGGIO per l’UMIDO IN GRADO DI ELIMINARE LA QUOTA MAGGIORMENTE confondibile con il rifuto tossico industriale più pericoloso (fanghi e solventi!) …..
nella speranza che questa mia lettera possa essere pubblicata per consentire a tutta l’opinione pubblica napoletana di farsi una idea concreta e motivata tecnicamente DEL PERCHE’ SONO PROFONDAMENTE CONTRARIO A MAXIINCENENERITORI CITTADINI QUANDO ACERRA SAREBBE PIU CHE SUFFICIENTE PER I SOLI RIFIUTI SOLIDI URBANI….IN ASSENZA OVVIAMENTE DI UNA INDUSTRIA COSI EFFICIENTE E COSI PRODUTTIVA A NAPOLI …..IN REGIME DI EVASIONE FISCALE!!
CORDIALI SALUTI
DOTT. ANTONIO MARFELLA
TOSSICOLOGO ONCOLOGO
MEDICI PER AMBIENTE NAPOLI

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like