RIAPERTO IL CASO DEI MARÒ ITALIANI ACCUSATI DI OMICIDIO: RINVIATO IL PROCESSO A KERALA

on ott 11, 12 • by • with Commenti disabilitati su RIAPERTO IL CASO DEI MARÒ ITALIANI ACCUSATI DI OMICIDIO: RINVIATO IL PROCESSO A KERALA

          Ancora una volta è stato rinviato il processo di primo grado che vede imputati Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due marò accusati di omicidio. La corte è stata riconvocata per l’8 novembre. Come ricorderete, i due marò sono accusati di aver ucciso, lo scorso 15...
Pin It

Home » Esteri, Notizie flash » RIAPERTO IL CASO DEI MARÒ ITALIANI ACCUSATI DI OMICIDIO: RINVIATO IL PROCESSO A KERALA

 

 

 

 

 

Ancora una volta è stato rinviato il processo di primo grado che vede imputati Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due marò accusati di omicidio. La corte è stata riconvocata per l’8 novembre. Come ricorderete, i due marò sono accusati di aver ucciso, lo scorso 15 febbraio, due pescatori indiani scambiati per pirati.

Ascoltati gli avvocati delle due parti, il giudice ha deciso che il processo non può avvenire in concomitanza di una sentenza della Corte Suprema di New Delhi sulla questione.  Già lo scorso 4 settembre i giudici incaricati di decidere sulla questione, avevano chiuso il processo dichiarandone il suo passaggio a sentenza. Tuttavia, ciò non è avvenuto in quanto uno dei due giudici è divenuto presidente della Suprema Corte Indiana.

Da giugno Latorre e Girone sono in libertà provvisoria a Kochi, nel Kerala. La Corte Suprema deve decidere, sulla base dei ricorsi presentati dagli italiani, se i due imputati devono essere giudicati in base alle leggi del diritto indiano o a quelle italiane (e quindi quelle del diritto internazionale), dato che suddetto reato è stato commesso lontano dalle acque territoriali indiane ma su una nave italiana.

Non si è fatta attendere la dichiarazione del Ministro degli Esteri Giulio Terzi, il quale si è mostrato allibito e sconcertato per la decisione della Corte Suprema Indiana, e soprattutto per la lentezza nell’elaborazione di questo giudizio che ormai si attende da troppo tempo.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like