SIRIA: BOMBA ALLA SEDE DEI SERVIZI DI SICUREZZA DI DAMASCO. DECINE DI MORTI

on set 25, 12 • by • with Commenti disabilitati su SIRIA: BOMBA ALLA SEDE DEI SERVIZI DI SICUREZZA DI DAMASCO. DECINE DI MORTI

Sarebbe proprio questo il bilancio dell’ennesimo attentato, dell’ennesima esplosione, dell’ennesima goccia che va a riempire un vaso ormai traboccante, come quello siriano. Secondo una fonte, che sarebbe poi quella che starebbe rivendicando suddetto attentato, è stata attaccata la sede dei servizi di sicurezza...
Pin It

Home » Esteri, Notizie flash » SIRIA: BOMBA ALLA SEDE DEI SERVIZI DI SICUREZZA DI DAMASCO. DECINE DI MORTI

Sarebbe proprio questo il bilancio dell’ennesimo attentato, dell’ennesima esplosione, dell’ennesima goccia che va a riempire un vaso ormai traboccante, come quello siriano. Secondo una fonte, che sarebbe poi quella che starebbe rivendicando suddetto attentato, è stata attaccata la sede dei servizi di sicurezza di Damasco, provocando decine di morti tra cui anche ufficiali dell’esercito di Mr Assad. Il governo siriano invece, dichiara soltanto 7 feriti lievi, confermando peraltro l’attentato.

Abu Moaz, un leader di uno dei gruppi ribelli (Ansar al-Islam), dichiara espressamente di aver fatto esplodere due bombe che hanno colpito la sede della sicurezza e delle truppe lealiste proprio nei pressi della “Sezione Palestina”, sede dei servizi segreti dell’esercito di Mr Assad.

Chiaramente, ci troviamo ancora davanti ad una discordanza di informazioni di quello che avviene in questo paese che si trova a combattere incessantemente da ormai 18 mesi e non vede la fine o quantomeno una parvenza di soluzione.
Stando al gruppo dei ribelli, gli ufficiali si trovavano in un edificio scolastico adibito a caserma, ed erano stati coinvolti negli scontri e nei “massacri” compiuto a Hajar Aswad, a sud di Damasco, dove avrebbero trovato l’ingiusta morte decine di civili.

Proprio la parte meridionale di Damasco è tutt’ora teatro di scontri senza tregua tra le truppe lealiste e quelle dei “ribelli”. E proprio settimana scorsa le truppe lealiste avrebbe bombardato le sedi dei ribelli per stanarli e per allontanarli da Damasco da sempre vista come la roccaforte di casa Assad. Tuttavia, è difficile parlare di roccaforte, dato che è teatro di sanguinosi scontri e combattimenti fra le forze in opposizione

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like