genitali

Uomo si inchioda i genitali sulla Piazza Rossa: protesta contro il governo russo

on nov 11, 13 • by • with Commenti disabilitati su Uomo si inchioda i genitali sulla Piazza Rossa: protesta contro il governo russo

I genitali inchiodati sul ciottolato. Un protesta sicuramente dolorosa quella scelta da Pyotr Pavlensky per denunciare lo “stato di polizia” della Russia. Il posto è un simbolo di Mosca, la Piazza Rossa, nei pressi del mausoleo di Lenin.  Dopo essersi spogliato, l’artista 29enne, già noto per forme di...
Pin It

Home » News, Notizie flash » Uomo si inchioda i genitali sulla Piazza Rossa: protesta contro il governo russo

I genitali inchiodati sul ciottolato. Un protesta sicuramente dolorosa quella scelta da Pyotr Pavlensky per denunciare lo “stato di polizia” della Russia. Il posto è un simbolo di Mosca, la Piazza Rossa, nei pressi del mausoleo di Lenin.  Dopo essersi spogliato, l’artista 29enne, già noto per forme di dissenso estreme, si è trafitto lo scroto sul selciato, sotto lo sguardo incredulo e atterrito dei passanti. L’uomo, fermato dalla polizia, è poi stato portato in ospedale. I motivi del gesto di protesta ‘artistica’ sono stati illustrati da Pyotr Pavlensky in una nota pubblicata dal sito Granu.ru: “un artista nudo che guarda le palle inchiodate al pavimento del Cremlino è una metafora dell’apatia, dell’indifferenza politica e del fatalismo della società russa contemporanea”. Pavlensky non è nuovo a estremi atti di dissenso contro il governo russo  simili. A maggio, infatti, si era avvolto nel filo spinato a San Pietroburgo, poco lontano da un edificio governativo. Nel 2011, invece, si era cucito la bocca per manifestare contro l’incarcerazione di due componenti del gruppo delle Pussy Riot.

http://www.fanpage.it

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like