CAIVANO. COSTI REGOLARI, PROSCIOLTI 19 POLITICI. TRA I QUALI L’EX SINDACO SEMPLICE E CASABURO

on set 20, 12 • by • with Commenti disabilitati su CAIVANO. COSTI REGOLARI, PROSCIOLTI 19 POLITICI. TRA I QUALI L’EX SINDACO SEMPLICE E CASABURO

Assoluzione della Corte dei Conti di Roma per venti amministratori del Comune di Caivano tra i quali l’ex sindaco di Caivano Domenico Semplice, l’ex presidente del consiglio comunale (adesso assessore ndr) Francesco Casaburo, e l’attuale dirigente della ripartizione Ragioneria Finanze, Gennaro Sirico. L’accusa...
Pin It

Home » Politica, Politica Locale » CAIVANO. COSTI REGOLARI, PROSCIOLTI 19 POLITICI. TRA I QUALI L’EX SINDACO SEMPLICE E CASABURO

Assoluzione della Corte dei Conti di Roma per venti amministratori del Comune di Caivano tra i quali l’ex sindaco di Caivano Domenico Semplice, l’ex presidente del consiglio comunale (adesso assessore ndr) Francesco Casaburo, e l’attuale dirigente della ripartizione Ragioneria Finanze, Gennaro Sirico. L’accusa era di aver arrecato un danno erariale di oltre un milione di euro alle casse comunali. La Procura della Corte dei conti pretendeva dai politici, 311 mila e 344 mila euro e 731 mila euro dal ragioniere capo. La vicenda riguarda le presunte irregolarità,poste in essere, da Palazzo di città, nell’aggiudicazione alla società Sogerit Spa di due gare per l’affidamento di servizi pubblici (tesoreria comunale e riscossione delle altre entrate patrimoniali, nonché della TARSU, Tosap ed Ici coattive mdr).

Decidendo sulla controversia, i giudici contabili della Prima Sezione Centrale di Roma hanno rigettato l’appello del Procuratore Regionale, confermando la sentenza di proscioglimento della Corte dei conti di Napoli. Il collegio giudicante ha disposto a carico del bilancio comunale l’onere di rimborsare ai convenuti, assolti con formula piena, le spese legali del processo di appello nella misura di mille euro ciascuno. Dovrà pagare le spese processuali la giunta Falco, quindi. Secondo la sentenza, l’affidamento alla Sogerit del servizio è conforme al Regolamento comunale di contabilità, non sussistendo nessun divieto sulla possibilità di affidare al tesoriere comunale anche l’attività di riscossione dei rifiuti. Oltre all’ex primo cittadino, la magistratura ha prosciolto anche Giuseppe Carofilo, Alfonso Castelli, Nicola Chiariello, Pietro D’Angelo, Antonio De Lucia, Carmine Esposito, Salvatore Fusco, Raffaele Gebiola, Guglielmo Martino, Mario Pepe, Eduardo Riccardi, Giacinto Russo, Vincenzo Scherma, Raffaele e Michele Sirico.

fonte: il mattino

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like