CAIVANO. IL PARTITO DEMOCRATICO SCRIVE AL SINDACO FALCO, ECCO LA LETTERA…

on mar 1, 13 • by • with Commenti disabilitati su CAIVANO. IL PARTITO DEMOCRATICO SCRIVE AL SINDACO FALCO, ECCO LA LETTERA…

Sig. Sindaco, caro Antonio, Caivano, come l’Italia, sta attraversando una crisi economica senza eguali dal dopoguerra ad oggi. Il disagio economico alimenta un disagio sociale, che lacera la serenità delle famiglie. Donne e uomini che non hanno più neanche la speranza di miglioramento, guardando il loro domani....
Pin It

Home » Politica, Politica Locale » CAIVANO. IL PARTITO DEMOCRATICO SCRIVE AL SINDACO FALCO, ECCO LA LETTERA…

Sig. Sindaco,

caro Antonio,

Caivano, come l’Italia, sta attraversando una crisi economica senza eguali dal dopoguerra ad oggi.

Il disagio economico alimenta un disagio sociale, che lacera la serenità delle famiglie. Donne e uomini che non hanno più neanche la speranza di miglioramento, guardando il loro domani.

Durante quest’ ultima tornata elettorale, entrando nella case dei nostri concittadini, ho toccato con mano il malessere arrivato oramai a livelli non più sopportabili da parte di coloro i quali hanno riposto in noi una speranza di cambiamento.

Ci vuole una svolta vera, che segni l’inizio di un cambiamento serio e strutturato.

La svolta deve essere di ampio respiro in ogni livello istituzionale. Di certo l’ amministrazione comunale, non può, da sola, affrontare tutte le problematiche del nostro territorio: lavoro, sviluppo, ambiente, solidarietà, servizi, criminalità.

Ma tu come Sindaco di questo paese e, noi come esponenti politici locali, in particolar modo noi del Partito Democratico di Caivano, non possiamo più esimerci dal massimizzare le nostre forze ad affrontare SOLO ED ESCLUSIVAMENTE le problematiche dei cittadini e del territorio.

A Caivano invece, chi ha responsabilità politiche deve, purtroppo, prima occuparsi d’altro.

Al contrario, non ritengo prioritario preoccuparmi della “psicologia” del singolo consigliere comunale di maggioranza, che oggi ti sostiene, domani no, dopodomani forse, dipende.

Io non voglio più interessarmi delle “pseudo strategie politiche” di questo o quel partito, che nascono e muoiono nel giro di pochi giorni, prima e dopo una tornata elettorale.
Un proliferare di partiti, liste civiche, fusioni e scissioni, motivate purtroppo non da un pensiero politico, che potrebbe essere anche capito, ma dalle convenienze personali.

Questo per me e per il mio partito, che ho l’onore di rappresentare, non è più tollerabile.

Caro Sindaco, caro Antonio, francamente, va bene il bene primario del paese, va bene il senso di responsabilità, ma di questo isterismo politico inconcludente non se ne può più ! Basta !

Questo modo di fare politica distrugge la mia, la nostra idea della “Politica”, intesa come impegno sociale finalizzato a perseguire l’esclusivo interesse del nostro Paese, per il presente ed il futuro dei nostri figli.

Il paradosso è che so per certo che questo è anche il tuo pensiero, come lo è di tutti (o quasi) quelli che come noi fanno politica sul territorio, siano essi di maggioranza o di opposizione, assessori, consiglieri o militanti di partito.

Ma tu che hai il ruolo guida dell’amministrazione che i cittadini ti hanno affidato e noi che ti sosteniamo per tale compito, abbiamo la responsabilità maggiore di tradurre la nostra idea di Politica in fatti amministrativi concreti per dare al nostro Paese la stessa dignità di un Paese normale.

Per questo, ti chiediamo di dare una forte scossa positiva all’azione politica ed amministrativa del governo cittadino.

Inoltre,
non ritenendo ammissibile vedere in un progetto politico di centrosinistra, che insieme stiamo faticosamente ricostruendo, la presenza di due soggetti politici di centrodestra come “GRANDE SUD“ e, cosa ancor più grave, LEGA NORD, ti chiedo l’esclusione di questi dalla maggioranza.

Con affetto, Yuri Bervicato

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like