IL FIGLIO DELLA CANCELLIERI INCASSA 3,6 MILIONI EURO DI LIQUIDAZIONE

on ott 24, 12 • by • with 1 Comment

Piergiorgio Peluso cacciato da Fondiaria Sai per incompetenza ottiene una buona uscita milionaria. È figlio del ministro dell’Interno Cancellieri. [Franco Fracassi] Licenziato dopo un anno e mezzo per aver peggiorato i conti della società. Una storia di ordinaria quotidianità nel mondo del lavoro. Licenziato...
Pin It

Home » Politica, Politica Nazionale » IL FIGLIO DELLA CANCELLIERI INCASSA 3,6 MILIONI EURO DI LIQUIDAZIONE

Piergiorgio Peluso cacciato da Fondiaria Sai per incompetenza ottiene una buona uscita milionaria. È figlio del ministro dell’Interno Cancellieri. [Franco Fracassi]

Licenziato dopo un anno e mezzo per aver peggiorato i conti della società. Una storia di ordinaria quotidianità nel mondo del lavoro. Licenziato per incompetenza con una buona uscita di tre milioni e seicentomila euro. Una storia di ordinaria quotidianità se il mondo del lavoro è quello dei super manager in Italia. Se poi il licenziato si chiama Piergiorgio Peluso ed è figlio del ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri si tratta di una storia di ordinaria quotidianità nell’Italia del governo Monti, dove essere raccomandati è cosa necessaria se si vuole fare carriera.

La primavera dello scorso anno la seconda società di assicurazione d’Italia, la Fondiaria Sai, era in gravissima crisi finanziaria. Unicredit, che ne deteneva il 6,6 per cento delle azioni, era convinta che solo una fusione tra Fondiaria e Unipol potesse salvare la società dal fallimento. E così, la famiglia Ligresti, proprietaria di Fondiaria, fu costretta ad assumere il responsabile del Corporate & Investiment banking di Unicredit per l’Italia. Nel maggio 2011 il quarantaduenne Piergiorgio Peluso divenne direttore generale di Fondiaria con uno stipendio di centomila euro al mese, un milione e duecentomila euro all’anno.

La politica di Peluso, però, non solo non ha convinto la famiglia Ligresti, ma ha peggiorato i già pessimi conti di Fondiaria. Il figlio del ministro si è lanciato in una serie di acquisizioni e di fusioni degni della finanza d’assalto che ha caratterizzato per un decennio le banche d’affari di Wall Street.

Nel contratto di assunzione firmato da Peluso era inserita una clausola che asseriva che in caso «di dismissione per giusta causa, comprendente anche il demansionamento e il cambio di controllo della società», la Fondiaria avrebbe dovuto erogare una buona uscita pari a tre anni di stipendio. Ovvero un milione duecentomila euro per tre, pari a tre milioni e seicentomila euro.

globalist.it

Related Posts

One Response to IL FIGLIO DELLA CANCELLIERI INCASSA 3,6 MILIONI EURO DI LIQUIDAZIONE

  1. Qst governo “tecnico” è una vergogna senza fine. A decidere del futuro (non) lavorativo nostro e dei nostri figli è della genta (CHE NESSUNO HA VOTATO) che conduce la propria vita nel lusso e nel privilegio. Lontano anni luce da almeno uno dei problemi di noi comuni cittadini. Sono professori solo di falso moralismo e insopportabile arroganza e spocchiosità. E’ tanto sbagliato dire che a decidere del nostro futuro dovrebbero essere delle persone che condividono i nostri stessi problemi ? Chiediamo troppo ?

Scroll to top

Support us!

Facebook_like