L’exploit di Grillo e nuovi scenari politici

on feb 11, 13 • by • with Commenti disabilitati su L’exploit di Grillo e nuovi scenari politici

Il Movimento 5 stelle continua a mietere consensi e si presenta alla prossima tornata elettorale con il vento in poppa. I sondaggi più accreditati -che fino a qualche giorno fa- registravano un 10 per cento per il partito di Beppe Grillo , ora invece, grazie anche agli scandali che hanno coinvolto il Monte Paschi di...
Pin It

Home » Politica, Politica Nazionale » L’exploit di Grillo e nuovi scenari politici

Il Movimento 5 stelle continua a mietere consensi e si presenta alla prossima tornata elettorale con il vento in poppa.

I sondaggi più accreditati -che fino a qualche giorno fa- registravano un 10 per cento per il partito di Beppe Grillo , ora invece, grazie anche agli scandali che hanno coinvolto il Monte Paschi di Siena e di riflesso il Partito Democratico, attribuiscono un consenso oscillante tra il 15 e il 20 per cento.

A contribuire all’inaspettato successo saranno gli indecisi ma soprattutto i delusi dalla mala gestio politica degli ultimi anni. Il voto di protesta si concentrerà sui neonati partiti,  come quello facente capo all’ex pm della Procura di Palermo Antonio Ingroia Rivoluzione Civile o al movimento dell’ economista Oscar Giannino per la lista Fare per Fermare il Declino.

Il probabile successo elettorale di Grillo potrebbe scandagliare i non facili equilibri tra Pd e la lista Monti creando una grave situazione di impasse, dalla quale sarebbe difficile uscirne e condurrebbe quindi, dritti al voto, causa ingovernabilità.

Siffatto scenario potrebbe essere scongiurato solo ed esclusivamente in caso di un accordo triplice tra Pd, Monti e Grillo con la nascita di un governissimo, di una Grosse Koalition alla tedesca, ma si tratta per il momento di uno scenario da fantapolitica.

I partiti classici ormai sembrano quasi rassegnati al successo dei grillini e, talvolta, grazie agli scandali dell’ultimo periodo, sembrano che lavorino per loro creando ad hoc materiale e situazioni da gettare nel fuoco della campagna elettorale.

Un partito che vive solo ed esclusivamente di protesta  però potrebbe morire per lo stesso motivo.

La critica veemente ed esacerbata al ceto politico rappresenta  un’ arma a doppio taglio, infatti come sostiene Casini “quando la società civile entra in Parlamento diventa classe politica”, quindi al momento dell’insediamento dei parlamentari i grillini, tale argomento cadrà immediatamente o sopravviverà in una sequela di distinguo stucchevoli.

Un movimento nato e portato avanti da un leader semi padronale e avente ad oggetto la protesta sic et simpliciter , potrebbe avere  dei grossi problemi di sopravvivenza, poiché l’umore del popolo è cangiante e sfuggente da sempre.

Gli uomini Grillo, dopo  le elezioni si batteranno alacremente in Parlamento per alcune battaglie simbolo, vedi la riduzione dei parlamentari, dei loro relativi privilegi, ma il nodo cruciale sarà osservare le loro idee in temi molto più importanti come quello fiscale, le politiche giovanili,le politiche industriali,sui temi etici e non ultimo sul tema fondante del lavoro.

La speranza è che i neoletti del Movimento 5 stelle non si trasformino in politicanti da Prima Repubblica, che non diventino peggio di alcuni deputati che hanno imperversato le cronache degli ultimi tempi, finendo con l’esser esautorati in virtù della tant’agognata trasparenza e onestà,perché come diceva Pietro Nenni  “a fare a gara a fare i puri, troverai sempre uno più puro,che ti epura”.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like