BANNER

Cinquanta sfumature di grigio: San Valentino sadomaso

on feb 13, 15 • by • with Commenti disabilitati su Cinquanta sfumature di grigio: San Valentino sadomaso

Dopo mesi di indiscrezioni, trailer,immagini inedite, clip in anteprima, dopo il gran rifiuto di Angelina Jolie alla quale volevano affidare la regia, dopo storpiature del titolo, parodie e ovvie polemiche arriva finalmente nelle  sale, nei giorni che precedono l’ammiccante ricorrenza di San Valentino,...
Pin It

Home » Cinedubito, Rubriche » Cinquanta sfumature di grigio: San Valentino sadomaso

Dopo mesi di indiscrezioni, trailer,immagini inedite, clip in anteprima, dopo il gran rifiuto di Angelina Jolie alla quale volevano affidare la regia, dopo storpiature del titolo, parodie e ovvie polemiche arriva finalmente nelle  sale, nei giorni che precedono l’ammiccante ricorrenza di San Valentino,  Cinquanta Sfumature di Grigio, la tanto attesa pellicola tratta dal bestseller omonimo della scrittrice inglese E.L James che con la trilogia Cinquanta sfumature vanta  più di 3.500.00 copie vendute solo in Italia e  che fa della sua serie una delle più vendute di sempre.  Le gesta erotiche di Anastasia Steele e Christian Grey che hanno fatto girare la testa a molte giovani lettrici le quali hanno letteralmente divorato i romanzi  e sono state travolte dalle successive sfumature di nero e di rosso dei sequel, vengono trasferite sul grande schermo, dilatando le loro prodezze in  12 scene di sesso continuato, per un totale di 20 minuti che  per  alcuni sono troppe  e per altri troppo poche.

Negli Stati Uniti e in Gran Bretagna la pellicola è vietata ai minori di 18 anni,  per la presenza di “contenuti sessuali  forti “ oltre  che  per  ritrarre un gioco di ruolo erotico basato sulla dominazione, la sottomissione e pratiche sado-masochistiche, le cui sequenze hanno però suscitato l’ilarità della  platea del Festival del cinema di Berlino, in cui il film è stato presentato in anteprima, che ha giudicato forzate e quasi ridicole le numerose scene di sesso spinto in un film che in realtà, a differenza del romanzo, vuole puntare tutto sull’amore.

sfumature_600x450I protagonisti, scelti dopo un estenuante casting che aveva visto avvicendarsi i nomi di Ryan Gosling, Robert Pattinson, Ian Somerhalder e Charlie Hunnam per il ruolo dell’elegante e misterioso Mr.Gray e Kristen Stewart, Elisabeth Olsen e Felicity Jones per quello di Ana, hanno i volti  anonimi di Jamie Dornan,modello irlandese dallo sguardo glaciale che  nel film mostra generosamente le natiche,  e Dakota Johnson, figlia di  Melanie Griffith e Don Johnson i quali hanno ovviamente storto il naso davanti alla decisione della loro bambina di accettare il ruolo dell’ingenua Miss Steele  che travolta dal giovane affascinante milionario  si lascia sopraffare dalle sue pratiche sessuali insospettabili.  Dietro la macchina da presa,c’è invece la regista Sam Taylor-Wood, la quale dopo il racconto dell’adolescenza di John Lennon  in Nowhere boy, fa della trasposizione del romanzo solo un elegante videoclip con immagini sensuali, accompagnate dall’utilizzo malizioso di corde, cravatte e frustini.

Oltre  alla notizia delle prolungate sequenze di sesso della pellicola, ciò che fa davvero scalpore  è il numero smisurato di biglietti venduti in prevendita; 200 mila in Italia mentre a livello internazionale sono stati più di 2 milioni i ticket venduti in 39 nazioni, numeri che provocano più capogiri della lingua biricchina di Christian Grey. 

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like