images

Clint Eastwood, 84 anni e un nuovo film (anzi due)

on giu 17, 14 • by • with Commenti disabilitati su Clint Eastwood, 84 anni e un nuovo film (anzi due)

E’ l’icona del cinema americano, è uno dei registi più prolifici dell’ultimo decennio, è un attore con ancora tanta energia e rabbia quella che, lui sostiene debba bruciare in ogni interprete per poter esprimere i propri ruoli al meglio. Clint Eastwood, classe 1930, prolunga la sua ricca  filmografia, con...
Pin It

Home » Cinedubito, Rubriche » Clint Eastwood, 84 anni e un nuovo film (anzi due)

E’ l’icona del cinema americano, è uno dei registi più prolifici dell’ultimo decennio, è un attore con ancora tanta energia e rabbia quella che, lui sostiene debba bruciare in ogni interprete per poter esprimere i propri ruoli al meglio. Clint Eastwood, classe 1930, prolunga la sua ricca  filmografia, con Jersey Boys, una pellicola che attinge da un famoso musical di Broadway, raccontando  la storia di quattro giovani che si uniscono per formare il gruppo rock icona degli anni ’60, The Four Seasons, le cui vicende, fatte di trionfi, perdite e  rancori sono accompagnate da canzoni che hanno influenzato una generazione, tra le quali  Big Girls Don’t Cry, Walk Like a Man, Can’t take my eyes off you, Rag Doll, Bye Bye Baby e molte altre,   fortunati brani di cui sono state realizzate numerose cover anche da parte di artisti italiani.

Frankie Valli, italoamericano, protagonista e leader del gruppo con la sua voce in falsetto, trainata dai cori e dalle  armonie create dagli altri membri della band, ha fatto sognare e ballare i ragazzi dell’epoca, portando il quartetto, proveniente dal New Jersey,  ad un successo clamoroso, conquistando le radio internazionali, prima dell’arrivo ancor più travolgente dei Beatles.

Il film, dapprima affidato  a Jon Favreau (regista di Iron Man) è stato poi assegnato felicemente a Eastwood che nel ’82 aveva diretto se stesso in Honky Tonk Man, interpretando un tormentato autore di musica country, mentre in Bird ( 1988) omaggiva il jazz, sua grande passione, e il sassofonista di colore Charlie “Bird” Parker.

Il film, in uscita il 18 Giugno in Italia e presentato in anteprima al Taormina Film Festival è stato girato quasi in contemporanea ad un’altra pellicola, American Sniper, in cui il regista 84enne, ha diretto Bradley Cooper, il quale interpreta un letale tiratore scelto che ha combattuto in Afghanistan e Iraq, uccidendo più di 250 uomini, un film impegnativo e difficile, tratto dall’autobiografia di un membro dei Navy Seals.

clintDifficile definire “vecchio” chi come Clint Eastwood ammette di caricarsi di adrenalina ogni volta che gli capita tra le mani un nuovo progetto, confessando che il segreto di tanta energia è quella di mantenere sempre viva la curiosità e l’interesse per ciò che fa. Una tempra invidiabile per il regista de Gli Spietati (1992)  e  Gran Torino (2008) che ad ogni prova filmica, di anno in anno, sembrava aver raggiunto il culmine della saggezza e della profondità artistica e che invece continua a stupire per la vitalità e il grande entusiasmo per il cinema.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like