Scart' frusc' e pigl' primer'…Perchè si dice cosi e cosa significa?

on set 11, 12 • by • with Commenti disabilitati su Scart' frusc' e pigl' primer'…Perchè si dice cosi e cosa significa?

Scart’ frusc’ e pigl’ primer’, chi non l’ha usato almeno una volta nella sua vita! Si tratta di un detto che usa termini tecnici di un gioco che sta a metà tra le carte e l’alcool: la cosi detta passatella. Questo gioco avrebbe bisogno di ulteriori delucidazioni, essendo impregnato...
Pin It

Home » Curiosità » Scart' frusc' e pigl' primer'…Perchè si dice cosi e cosa significa?

Scart’ frusc’ e pigl’ primer’, chi non l’ha usato almeno una volta nella sua vita! Si tratta di un detto che usa termini tecnici di un gioco che sta a metà tra le carte e l’alcool: la cosi detta passatella.
Questo gioco avrebbe bisogno di ulteriori delucidazioni, essendo impregnato di significati socio-culturali piuttosto profondi, legati, comunque, all’ uso ed all’ abuso di alcool. In poche parole consiste in un gioco di carte che determina il ” comandare ” e quindi disporre della ” passata “, ovvero una bottiglia di vino o di birra pagata da tutti i partecipanti. Il padrone, cioè il vincitore, con il controllo e  il permesso necessario del sotto, il secondo per importanza, concede le bevute ad amici ed a volte anche a nemici. Il “sotto”,  il secondo classificato, è spesso chiamato a dare il proprio permesso per concedere le bevute, il che gli conferisce un gran valore “strategico-politico”: se, ad esempio, un nemico del padrone è amico del sotto, allora il padrone può essere costretto a concedergli delle bevute per evitare che il “sotto”, senza il cui permesso il padrone non potrebbe soddisfare i ” propri ” amici, gli si rivolti contro. Scopo del gioco era far sì che il vino fosse consumato da tutti i partecipanti tranne uno detto l’Ormo, deformazione romanesca dell’albero dell’olmo, allo scopo di umiliare una persona caduta in disgrazia o lo zimbello del gruppo, che viene appunto “fatto Ormo”.

Insomma un casino di trame e veti incrociati dal quale spesso nascevano vere e proprie inimicizie nelle osterie, fino a sfociare in sanguinose risse. Si racconta addirittura, che Papa Sisto V, preoccupato dalle risse che il gioco provocava, provò la passatella con alcuni dei suoi cardinali ed accadde che il pontefice si trovò ripetutamente “fatto Ormo” al punto da scagliarsi contro i suoi stessi cardinali che gli impedivano di bere. Solo grazie al pronto intervento di alcuni servitori si evitò che questa “prova” finisse in maniera poco consona al rango di tali giocatori.

Ora veniamo al punteggio delle carte. Il punteggio più alto è il Fruscio, cioè quattro carte dello stesso palo; poi segue la Primiera, che è la stessa della scopa e si valuta con lo stesso criterio. Ovviamente le regole di tale gioco non sono univoche e sono suscettibili di cambiamenti magari da un’osteria all’altra. In ogni caso generalmente, se un punto non piace, si può fare uno scarto per cercare di avere successivamente un punto migliore, ossia più congruo ai propri desideri per la passatella in questione. Può quindi capitare che si scarti il punteggio di Fruscio e si riceva quello di Primiera. Da qui il detto che quindi significa che, comunque vada, le cose non cambieranno, perchè, in una maniera o nell’altra, la situazione resta la stessa o addirittura peggiora.

Fonte: www.faracconta.blogspot.it

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like