Good As You

on lug 5, 13 • by • with Commenti disabilitati su Good As You

Frocio. Checca. Ricchione. Femminella. Buco. Finocchio. Lesbica (termine che definisce semplicemente una donna omosessuale ma che viene spessissimo usato come dispregiativo).  Gli omosessuali sono depravati. Essere omosessuale è contro natura. I gay hanno buon gusto come le donne. I gay sono pedofili. Le lesbiche...
Pin It

Home » PsicoDubito, Rubriche » Good As You

Frocio. Checca. Ricchione. Femminella. Buco. Finocchio. Lesbica (termine che definisce semplicemente una donna omosessuale ma che viene spessissimo usato come dispregiativo).  Gli omosessuali sono depravati. Essere omosessuale è contro natura. I gay hanno buon gusto come le donne. I gay sono pedofili. Le lesbiche sono brutte e/o mascoline. Meglio drogato che gay. Le lesbiche sono tali perché non sono mai state con un uomo sessualmente vigoroso.

Sapevo che prima o poi sarebbe successo. Un nostro lettore scrive della propria omosessualità e della paura per le conseguenze che essa comporta: abito in un piccolo centro, ho 24 anni e tutti cominciano a meravigliarsi che non abbia ancora mai avuto una ragazza da presentare ad amici e parenti…

L’insieme di emozioni e sentimenti quali disgusto, paura, rabbia, avversione che si provano, più o meno consapevolmente,  nei confronti di omosessuali, prende il nome di omofobia sociale. Purtroppo  l’Italia non è tra i paesi più all’avanguardia in questo senso, sia da un punto di vista legislativo che culturale: l’omofobia sociale è ancora profondamente radicata anche nelle istituzioni. Gli omosessuali che crescono in una società omofobica quindi sono quasi inevitabilmente omofobici- in questo caso si parla di omofobia interiorizzata– e accettano quindi in maniera passiva atteggiamenti, pregiudizi, stigmatizzazioni e comportamenti discriminatori.

La tentazione forte è quella di nascondersi, fingendo di condurre una vita che tutti si aspettano da quando hanno visto sulla nostra culla un fioccone azzurro o rosa. Il coming out però è per lo meno auspicabile: nonostante i primi mesi di profonda sofferenza, chi si rivela tende poi e vivere in maniera nettamente più soddisfacente la propria esistenza  non solo da un punto di vista sentimentale e sessuale ma anche sociale, lavorativo e familiare; gli omosessuali che nascondono il proprio orientamento, inoltre, hanno una probabilità pari al triplo di sviluppare cancro e alcune malattie infettive.

Non è più il momento della confusione. È  il momento dell’accettazione di se stessi per come si è;  è il momento di provare ad abbattere tutti quei sentimenti che ci ostacolano dal guardarci allo specchio serenamente, senza odiarci per essere peccatori a cui viene negata l’assoluzione o portatori di un difetto incorreggibile; è il momento di chiedere aiuto a persone e/o associazioni gay- friendly per affrontare un difficile momento di passaggio.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like