062419_piccola_impresa_meridionale

Rocco Papaleo e il Sud ignorato

on ott 16, 13 • by • with Commenti disabilitati su Rocco Papaleo e il Sud ignorato

Ha sorpreso pubblico e critica con la sua prima prova da regista, nel 2010 e quel Basilicata Coast to Coast è diventato una piccola perla del cinema on the road italiano, riscuotendo anche un discreto successo al botteghino. L’attore, nativo di Lauria, in provincia di Potenza, mostrò, attraverso la pellicola, una...
Pin It

Home » Cinedubito, Rubriche » Rocco Papaleo e il Sud ignorato

Ha sorpreso pubblico e critica con la sua prima prova da regista, nel 2010 e quel Basilicata Coast to Coast è diventato una piccola perla del cinema on the road italiano, riscuotendo anche un discreto successo al botteghino.

L’attore, nativo di Lauria, in provincia di Potenza, mostrò, attraverso la pellicola, una parte del Sud, molto spesso ignorata, raccontata dai Tg solo per vicende inerenti alla criminalità organizzata, quando invece nasconde dei paesaggi vasti e solari che spesso solo l’Italia meridionale è capace di offrire  e riversando nel film anche vicende personali, legati alla sua terra natìa.

L’attore, torna alla sua seconda prova da regista con Una piccola impresa meridionale, spostandosi in terra di Sardegna, nei pressi di Oristano e prediligendo ancora una volta, il mare e la natura rurale, scegliendo un faro abbandonato come luogo della vicenda, in cui vanno a rifugiarsi il  protagonista, da lui interpretato, un ex prete che ha appena lasciato la tonaca, una escort (Barbara Bobulova) che abbandonato la mansione e il fratello in crisi (Riccardo Scamarcio), tradito dalla moglie, i quali dovranno fare i conti con il pregiudizio della gente, tipico dei piccoli paesini . La piccola impresa meridionale sarà quello che i protagonisti allestiscono, insieme ad un gruppo di ex circensi, per la ristrutturazione del faro, per trasformarlo in un albergo ecosostenibile, progetto attraverso il quale tentano di  rimettere in piedi  anche le proprie vite disastrate.

Un film  (in uscita giovedi 17) introduce anche un elemento caro al neo regista, la musica, che coltiva fin da ragazzino, scrivendo poesie e canzoni e muovendo i primi passi come musicista insieme agli amici Niccolò Fabi, Daniele Silvestri e Max Gazzè, quest’ultimo attore e compositore per  la colonna sonora in  Basilicata Coast to Coast, dove la musica è il perno centrale della storia. Il nuovo film è anch’esso una piccola commedia musicale, dove gli attori si cimentano in canti, scritti dallo stesso Papaleo, oltre che dalla musicista Erica Mou che ha composto la soundtrack . L’attore con entrambe le pellicole ha tirato fuori una profondità che non ci si aspettava, realizzando un film tenero, divertente, non volgare che dimostra che si può riuscire a realizzare, nel cinema italiano commedie gradevoli e non convenzionali.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like