Tutti ma non Moccia

on set 28, 13 • by • with Commenti disabilitati su Tutti ma non Moccia

E ‘ormai aperta ufficialmente la stagione cinematografica autunnale! Chi questa estate ha disdegnato il multisala, un pò per la calura che spinge  a trascorrere diversamente le serate estive,un pò per la scarsità di titoli interessanti che il cinema propone d’estate, si riavvicinerà pian piano alla...
Pin It

Home » Cinedubito, Rubriche » Tutti ma non Moccia

E ‘ormai aperta ufficialmente la stagione cinematografica autunnale! Chi questa estate ha disdegnato il multisala, un pò per la calura che spinge  a trascorrere diversamente le serate estive,un pò per la scarsità di titoli interessanti che il cinema propone d’estate, si riavvicinerà pian piano alla sala, potendo scegliere soprattutto da questo fine settimana in poi,cominciato con le uscite di giovedi 26 Settembre, numerose pellicole di diverso genere.
Il film più atteso è senza dubbio Bling Ring, l’ultima fatica di Sofia Coppola che torna a dirigere dopo tre anni da Somewhere, vincitore del Leone D’oro al Festival di Venezia del 2010 e che torna a posare il suo sguardo intenso sul periodo adolescenziale e protagonista è Emma Watson, la Hermione Granger di Harry Potter,nei panni di un’adolescente che insieme ad altri teenager svaligiano le case delle celebrità, tra cui quelle di Paris Hilton e Orlando Bloom .Tratto da una storia vera di un’intrepida e spudorata band di liceali che nel 2009 ha saccheggiato lussuose abitazioni hollywoodiane appartenenti a molte star del cinema, e accusata di aver rubato più di 3 milioni di dollari in abiti e gioielli.
Da non perdere per chi ama lo stile fresco, estroso e originale della regista del  Il Giardino delle Vergini Suicide(1999) e Marie Antoinette(2006) e per chi è curioso di vedere la ventitrenne  Watson, abbandonare definitivamente i panni di maghetta così come già dimostrato nel recente Noi siamo infinito(2012)
E’ invece una generazione post adolescenziale quella presentata da Federico Moccia, l’autore di Tre metri sopra al cielo e Ho voglia di te,  romanzi ai quali si deve il tappezzamento dei lampioni di Ponte Milvo a Roma, di centinai di lucchetti simbolo d’amore (rimossi poi lo scorso  anno) per imitare le gesta amorose del protagonista, interpretato nel film da Riccardo Scamarcio, il quale si destreggia nei primi innamoramenti,  banalmente descritti dallo scrittore romano, nei quali però si sono identificati tanti ragazzi e ragazzine che hanno consumato litri di vernice  e spray per imbrattare i muri con la scritta Io e te, tre metri sopra al cielo.

I protagonisti di Universitari -Molto più che amici , titolo del nuovo film, scritto e diretto da Moccia, non si discostano dalle avventure sentimentali dei loro predecessori, perdendo solo i nomi balordi dei romanzi precedenti, come Step, Babi e Pallina, e tramutandoli in studenti alle prese con gioie e dolori della convivenza attraverso una trama e dialoghi che  sembrano provenire dalla fiction, dai reality, dalle sit com ma che hanno poco a che vedere con il cinema.

E’ quasi preferibile godersi un’ora e mezza di esplosioni e rimbombanti armi da fuoco di Sotto assedio -White House Down, ennesimo action hollywoodiano, diretto dal catastrofico regista Roland Emmerich, con Jamie Fox che interpreta il presidente degli Stati Uniti, chiaro riferimento a Obama, alle prese con un attacco terroristico. Oppure perchè non addentrarsi in un thriller come Redemption che ci proietta nella criminalità londinese, nella quale si trova  invischiato il protagonista, interpretato dal nuovo action man, Jason Statham. Tra queste nuove uscite, c’è spazio anche per la commedia, imperdibile per chi ha visto e riso fino alle lacrime con L’alba dei morti dementi (2004)e Hot Fuzz (2007) che con questo nuovo film, La Fine del Mondo costituisce una trilogia spassosissima, interpretata da Simon Pegg, piena zeppa di citazioni filmiche e di quello humor inglese irresistibile.
Il cinema nella sua meravigliosa eterogeneità,offre una miriade di opzioni diverse  e se per voi il cinema  non è che un modo come un altro di trascorrere il sabato sera, cercate comunque di stare alla larga dalla scelta  più banale e  insignificante e ci ritornerete con un occhio più critico.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like