De Laurentiis scatenato: “Penalizzazione? Si rischia di falsare il campionato! Meglio Mazzarri che uno “moscio”. Cavani via? Non ho mai deluso i tifosi”

on gen 14, 13 • by • with Commenti disabilitati su De Laurentiis scatenato: “Penalizzazione? Si rischia di falsare il campionato! Meglio Mazzarri che uno “moscio”. Cavani via? Non ho mai deluso i tifosi”

Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, ha parlato ai microfoni di Sky Sport 24 del momento azzurro, affrontando diversi argomenti. Eccole riassunte da dubito.it Sul possibile assalto dei grandi club europei per Cavani: “Vediamo quello che succede e decideremo per il meglio. Il Napoli non ha mai deluso i...
Pin It

Home » Calcio, Sport » De Laurentiis scatenato: “Penalizzazione? Si rischia di falsare il campionato! Meglio Mazzarri che uno “moscio”. Cavani via? Non ho mai deluso i tifosi”

Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, ha parlato ai microfoni di Sky Sport 24 del momento azzurro, affrontando diversi argomenti. Eccole riassunte da dubito.it Sul possibile assalto dei grandi club europei per Cavani: “Vediamo quello che succede e decideremo per il meglio. Il Napoli non ha mai deluso i tifosi dal mio arrivo. Ho sempre fatto il mio lavoro con dedizione e con investimenti corretti e giusti”.

Sulla penalizzazione “Mi aspetto che la verità trionfi, mi sembra assurdo penalizzare una squadra a campionato in corso. Non sta a me giudicare, rispetto il giudizio che sarà preso, ma credo che sia bene che determinati processi o precedano o seguano un campionato. Altrimenti si rischia di falsare un campionato”.

Sul nervosismo di Walter “Mazzarri non è arrabbiato, è solo concentrato. Per questo mi piace. Lui è uno che crede molto in quello che fa, nota qualunque cosa e quindi mantiene sempre alta la tensione. Siamo tutti talmente concentrati gara dopo gara, senza fare proclami, che è normale che a fine gara uno sia completamente svuotata. Basta una piccola parola per far nascere un po’ di nervosismo. Mazzarri è una persona eccezionale, bisogna saper interpretare certi momenti. Questa penalizzazione sta rovinando in parte il suo lavoro, perché sul campo noi saremmo secondo. Inoltre le squalifiche hanno in qualche modo rovinato l’armonia dello spogliatoio, quindi è normale che Mazzarri abbia reagito in qualche modo. Preferisco un allenatore grintoso che uno moscio e sempre sorridente”.

Obiettivo stagionale “L’obiettivo è giocare con sportività, rispettando i nostri tifosi. Siamo per la competizione sana, ma non facciamo proclami. Vogliamo giocarcela e può capitare di tutto. Facciamo gli scongiuri ma sappiamo che nel calcio basta un infortunio per cambiare le cose. Senza dimenticare che c’è ancora l’impegno europeo che vogliamo onorare. Prima di marzo è impossibile fare previsione”.

Voglia di Champions “La Champions ci manca, così come manca a tutti. Speriamo che vengano unificate Europa League e Champions League, con un unico grande campionato europeo. Platini ha ripreso la mia idea, speriamo venga attuata il prima possibile”.

Sulla conferma di Abete “Abete è una persona molto preparata, ci aspettiamo che vengano presi alcuni provvedimenti necessari per dare un nuovo volto al nostro calcio. Bisogna dare seguito ad una diversa giustizia sportiva, serve una legge sugli stadi ed una nuova regolamentazione dei rapporti con la tifoseria. Abete è la persona più giusta per fare il direttore di un’orchestra che fatica ad andare nella stessa direzione. Si fatica ad armonizzare le esigenze di tutti in un corpus unico, ma ci riusciremo. Nel momento in cui tutti si convinceranno che bisogna sforzarsi di andare d’accordo, perché siamo tutti degli imprenditori che cercano di lavorare nello sport più amato in Italia e nel mondo”.

Sul prossimo presidente di Lega “Bisogna ritornare al passato, scegliendo qualcuno tra i presidenti dei club. Dopo calciopoli questa prassi è stata eliminata, ma io ritengo che sia qualcuno a capo della Lega che lavori per il bene comune. Ci sono tanti compiti da svolgere, è un discorso piuttosto complesso che meriterebbe un’analisi approfondita. Ogni situazione va affrontata con le giuste competenze. Bisognerebbe nominare un presidente onorario, che ruota ogni sei mesi, scelto tra noi”.

Tuttonapoli.net

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like