BOYS CAIVANESE 2013/2014

IL PIANURA HA SPORTO RECLAMO, LA CAIVANESE NON CI STA: “HANNO PERSO UN’OCCASIONE…”

on ott 30, 13 • by • with Commenti disabilitati su IL PIANURA HA SPORTO RECLAMO, LA CAIVANESE NON CI STA: “HANNO PERSO UN’OCCASIONE…”

Qualità di chi o di ciò che è leale; fedeltà a un patto ed agli impegni presi; assenza di sotterfugi. Questa la definizione letteraria di lealtà, concetto che si può applicare al calcio ed alla vita con la stessa efficacia. Ricostruiamo i fatti. Nella prima giornata di campionato la Caivanese esordì in quel di...
Pin It

Home » Calcio, Sport, Testata » IL PIANURA HA SPORTO RECLAMO, LA CAIVANESE NON CI STA: “HANNO PERSO UN’OCCASIONE…”

Qualità di chi o di ciò che è leale; fedeltà a un patto ed agli impegni presi; assenza di sotterfugi. Questa la definizione letteraria di lealtà, concetto che si può applicare al calcio ed alla vita con la stessa efficacia. Ricostruiamo i fatti. Nella prima giornata di campionato la Caivanese esordì in quel di Pianura (campo Billy ndr) con la società ospitante che si rese protagonista della promozione di una bellissima iniziativa sulla “Terra dei Fuochi e dei Veleni”, le due compagini, infatti, scesero in campo con uno striscione congiunto per sensibilizzare sulla tematica. La partita fù maschia ma corretta, dura e dai toni agonistici elevati. L’arbitro, il signor Russo di Nola, preso dalla gara commise una serie marchiana di errori appuntando male le sostituzioni sul suo taccuino. Alla fine della contesa, che per la cronaca è terminata 2-1 per la Caivanese, i due dirigenti accompagnatori hanno firmato il referto ed il responsabile gialloverde, nella fattispecie, ha difettato di inesperienza non controllando tutti i passaggi del documento ufficioso. Il Pianura ha sporto reclamo asserendo che la Caivanese avrebbe effettuato 4 sostituzioni nel corso della gara suddetta. I dirigenti pianuresi hanno perso un’occasione per fare bella figura visto che anche sul loro sito ufficiale vengono riportate le tre sostituzioni poste in essere da mister Troise durante la partita accertando in questo modo, qualora ce ne fosse ancora bisogno, la totale estraneità ai fatti della Caivanese. Dalla genesi del nuovo sodalizio gialloverde la dirigenza, con il presidente Cafaro in testa, si è ripromessa di fondare il progetto sulla lealtà sportiva e sul profondo rispetto dell’avversario. Il verdetto del campo è sovrano ma soprattutto lo sport può e deve essere portatore sano di valori etici in un territorio martoriato qual è il nostro. Lo sport può essere volano di riscatto sociale e di miglioramento dello status quo. Con molta diplomazia la dirigenza gialloverde ha chiesto ai colleghi dell’A.S.D. Pianurese di ritirare il ricorso, visto che è fondato su un errore lapalissiano dell’arbitro, ma i dirigenti pianuresi si sono smarcati in maniera inelegante. In primis, la società gialloverde esprime la fiducia massima nella giustizia sportiva convinti che la verità verrà accertata senza dubbio alcuno ed il risultato, maturato sul campo, non subisca scossoni. In secondo luogo la U.S.B. Caivanese è pervasa da un sentimento di smarrimento, sbigottimento e delusione profonda per un’occasione mancata da parte degli avversari di affermare i valori dell’amicizia sportiva e della onestà. Non è possibile che nel mondo dello sport l’unica logica è quella del raggiungimento del risultato con ogni mezzo, chi fa sport dovrebbe affermare altri valori e dovrebbe dare un esempio diverso. Senza ergerci ad educande a parti invertite ci saremmo comportati in modo diametralmente opposto ma questa è un’altra storia.
COMUNICATO STAMPA U.S. BOYS CAIVANESE

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like