La testa nel pallone – Editoriale sulla Serie A

on set 17, 13 • by • with Commenti disabilitati su La testa nel pallone – Editoriale sulla Serie A

E’ un mesetto circa che mi è venuta un’improvvisa passione per la cucina. Sono trenta giorni che vado giù di spaghettate, tiramisù, pancake, cucina cinese. Insomma questo mio nuovo diletto mi sta costando i due mesi di dieta che mi avevano portato a dimagrire di 7 kg, e ora mi sento come un Ronaldo...
Pin It

Home » Calcio, Sport » La testa nel pallone – Editoriale sulla Serie A

E’ un mesetto circa che mi è venuta un’improvvisa passione per la cucina. Sono trenta giorni che vado giù di spaghettate, tiramisù, pancake, cucina cinese. Insomma questo mio nuovo diletto mi sta costando i due mesi di dieta che mi avevano portato a dimagrire di 7 kg, e ora mi sento come un Ronaldo (brasiliano) d’annata 2007. Per intenderci, quello sbarcato a Milano sponda Milan palesemente in sovrappeso e con il nomignolo affibbiatogli a Madrid di “el gordo”. L’altro Ronaldo, il portoghese, quello bello come il sole ma con costanti problemi di forfora, si è riempito la pancia di soldi, 18 milioni di euro per la precisione. Facendo due calcoli, lo stipendio  CR7, viene a costare al Real Madrid al netto delle tasse circa 35 milioncini. In pratica come se comprasse un top player all’anno.

Questi problemi, purtroppo o per fortuna, non toccano più le nostre latitudini. Quei 35 milioni che il Real dovrà spendere ogni anno sono gli stessi che la Roma ha incassato per le cessioni illustrissime di Marquinhos e Lamela, che spiegano perfettamente la situazione economica attuale della Serie A. Ciò nonostante i giallorossi viaggiano a pieno ritmo, ritrovandosi in testa alla classifica a braccetto col Napoli. Diceva mio nonno: “un buon bastone si vede dal manico”, e Rudy Garcia è l’allenatore giusto che serviva alla Roma per riprendersi dopo due anni disastrosi. Il francese ha portato ordine ed equilibrio, oltre a tenacia e voglia di lottare su ogni pallone. Gli avversari incontranti in questi primi tre turni saranno stati anche tenui, ma ne Luis Enrique prima, ne Zeman poi, erano riusciti a rendere la Roma cosi cinica e forte con le cosiddette provinciali. Si preannuncia quindi una anno ricco di soddisfazioni, dopo due di taglia e cuci.

A Firenze si sono rotti tutti. Montella, i Della Valle, i tifosi, e anche i giocatori. Gomez e Cuadrado dovranno restar fuori forzatamente per 7 e 3 settimane rispettivamente. Colpo durissimo per l’allenatore napoletano, che in un colpo solo perde due pedine fondamentali, si ritrova con Pizarro squalificato per due giornate e deve anche digerire una direzione arbitrale a dir poco imbarazzante. Le lamentele dall’ambiente viola sono più che giustificate alla luce di quanto accaduto lo scorso anno, ma non si deve entrare nell’ordine d’idee che c’è un disegno contro la Fiorentina, ne scadere nella paranoia dei complotti in stile Adam Kadmon.

Il Kakà day rischiava di essere un flop come quando ad una festa il simpaticissimo Pirlo inizia con la sua raccolta di barzellette. Tutti sapevamo che Riccardo era in ritardo fisico e che il Ricky-maravilla di 4 anni fa è un cugino alla lontana dell’attuale numero 22 rossonero. Ma una partita mediocre con annesso infortunio, e lodevole autosospensione dello stipendio, non se l’aspettava nessuno. Se ci mettiamo anche il carico degli infortuni che stanno falcidiando il Milan come successe all’Inter di Stramaccioni, ecco completato il quadro di chi, profeticamente, negli ultimi giorni d’agosto premeva per l’arrivo di rinforzi in difesa invece di rimpolpare il già completo attacco.

Il campionato è ancora lungo, ma le prime 3 giornate hanno dato già un paio di certezze. L’Inter di Mazzarri, senza il “peso” delle coppe, può rimarcare le orme della prima Juve di Conte ed arrivare a lottare per il titolo fino alla fine. Benitez, invece, nonostante qualche lacuna in sede di mercato, ha messo su una squadra già pronta per il titolo. A Napoli ormai l’entusiasmo è incontrollabile.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like