bolla

Le 5 frasi più (ab)usate per le bollette

on dic 12, 13 • by • with Commenti disabilitati su Le 5 frasi più (ab)usate per le bollette

A tutti noi piace scommettere, provare quel brivido dell’azzardo, avere per le mani la nostra amata bolletta mentre la domenica seguiamo la diretta gol o la nostra squadra del cuore con un occhio sugli altri campi per vedere se ci stiamo prendendo con i pronostici. Chiunque abbia scommesso in vita sua almeno una...
Pin It

Home » Calcio » Le 5 frasi più (ab)usate per le bollette

bollaA tutti noi piace scommettere, provare quel brivido dell’azzardo, avere per le mani la nostra amata bolletta mentre la domenica seguiamo la diretta gol o la nostra squadra del cuore con un occhio sugli altri campi per vedere se ci stiamo prendendo con i pronostici. Chiunque abbia scommesso in vita sua almeno una volta avrà detto o sentito delle frasi che sono diventate un vero e proprio must per chi gioca la bolletta. Ecco le 5 più usate ed abusate dagli scommettitori.

1. Ho perso per una sola squadra. Vince senza ombra di dubbio, per manifesta superiorità, il flagello della bolletta persa per una sola partita. Mi rivolgo a te amico che mi stai leggendo, si proprio tu, sappi che non sei solo. Sappi che siamo in milioni ad aver visto sfumare centinaia, ma che dico, migliaia di euro per una sola gara. Siamo in milioni ad aver lanciato almeno una volta uno di quei bestemmioni da far scattare la scomunica di Papa Francesco in meno di un cambio gomme della Ferrari al pit stop. Naturalmente la partita sbagliata è quasi sempre quella più facile, tipo la Juve che perde in casa con la Sanbonifacese, dopo aver azzeccato risultati impossibili come la tripletta di Matri.

2. Me lo sentivo, la volevo giocare. Tipica frase di chi gioca la bolletta sulle partite di domenica pomeriggio alle 17. L’individuo in questione indovina tutto: risultato, marcatori, ammonizioni, se c’è sole o c’è neve, persino quanti spettatori sono entrati abusivamente scavalcando ai tornelli, tutto sempre dopo il triplice fischio finale. Non ha mai giocato una bolletta in vita sua, ma sa sempre come andrà a finire quella partita. Comunemente soprannominato “Er Maya”.

3. Perchè hai giocato cosi? io avrei fatto il contrario. Questa frase, pronunciata dopo aver perso la bolla per una squadra, è considerata a tutti gli effetti come istigazione all’omicidio con l’attenuante della legittima difesa. La pena può commutarsi altresì in lezioni di Italiano impartite dai professori Insigne e Di Natale, o la galera fino al primo cross azzeccato di Abate o Maggio, in pratica l’ergastolo.

4. Bella bolletta, la prendi sicuro. Classica gufata 3 minuti e 1 secondo dopo che hai giocato la multipla e non puoi più annullarla. Nonostante pronostici facili che non superano l’1,49, dopo l’approvazione dell’esperto di bollette che vanta migliaia di euro di passivo in ricevitoria, non azzecchi nemmeno l’over 1,5 del Real Madrid, vittorioso 1-0 contro Loscarsones, con Ronaldo che calcia alle stelle un rigore al 90° colpendo il povero Baumgartner, dato a 1,01.

5. Ho un sistema infallibile. Le ultime parole famose di chi ha appena gettato al vento gli ennesimi euri della sua carriera da scommettitore. Il sistema infallibile salta puntualmente alla prima partita in programma. Manco il tempo di accendere la tv, sedersi sul divano, prendere la bolletta e “trizziarla” come si fa con le carte a poker che già bisogna strapparla e pensare a come buttare via altri soldi con un altro “sistemone infallibile”.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like