NAPOLI CON I NERVI A FIOR DI PELLE, CAVANI ED INLER BATTIBECCANO IN CAMPO. NEGLI SPOGLIATOI…

on dic 17, 12 • by • with Commenti disabilitati su NAPOLI CON I NERVI A FIOR DI PELLE, CAVANI ED INLER BATTIBECCANO IN CAMPO. NEGLI SPOGLIATOI…

Si sta perdendo la tranquillità. Il nervosismo serpeggia nello spogliatoio azzurro ed i calciatori azzurri non fanno nulla per nasconderlo. In campo uno screzio tra Cavani ed Inler, negli spogliatoi la rabbia di tutti. Questo il racconto della serata di ieri a cura della redazione de “Il Mattino”: “: Il...
Pin It

Home » Calcio, Sport » NAPOLI CON I NERVI A FIOR DI PELLE, CAVANI ED INLER BATTIBECCANO IN CAMPO. NEGLI SPOGLIATOI…

Si sta perdendo la tranquillità. Il nervosismo serpeggia nello spogliatoio azzurro ed i calciatori azzurri non fanno nulla per nasconderlo. In campo uno screzio tra Cavani ed Inler, negli spogliatoi la rabbia di tutti. Questo il racconto della serata di ieri a cura della redazione de “Il Mattino”: “: Il Napoli resta al terzo posto, perde l’occasione di scavalcare l’Inter, e ora rischia concretamente di ritrovarsi più giù in classifica. Nessuna voglia di parlare, giocatori in silenzio, l’unico a presentarsi in sala stampa è il tecnico Mazzarri. Nessuna dichiarazione di De Laurentiis, nessuna dichiarazione dei calciatori, gli azzurri sfilano via a testa bassa. Rabbia e delusione per la prima sconfitta interna. In campo anche qualche momento di tensione dettato dall’agonismo, nel primo tempo Inler e Cavani hanno avuto qualcosa da dire su un calcio d’angolo battuto dal Bologna. Una sconfitta pesantissima che rischia di togliere convinzioni e sicurezza in un gruppo che aveva viaggiato a più nove rispetto alla scorsa stagione. Un duro contraccolpo dopo una settimana già difficile, una sconfitta bruciante con un crollo anche fisico nel finale dopo la rimonta. La rabbia di tutti da Cavani a De Sanctis, al capitano Cannavaro. Un brutto colpo dopo i primi quattro mesi vissuti da protagonisti. Il Napoli si trova a fronteggiare il momento più delicato in attesa della sentenza della Disciplinare.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like