SALERNITANA – BARI TRUCCATA. DA GILLET A RANOCCHIA, SI RISCHIA…

on ott 10, 12 • by • with Commenti disabilitati su SALERNITANA – BARI TRUCCATA. DA GILLET A RANOCCHIA, SI RISCHIA…

Ieri il capo della polizia Antonio Manganelli ha annunciato clamorose novità sul calcio scommesse. E oggi arriva la prima: Salernitana-Bari 3-2 della stagione 2009-2010 fu una partita truccata, e sulla quale in molti hanno scommesso. Ora tremano in molti, anche in Serie A: come il difensore dell’Inter e della...
Pin It

Home » Calcio, Sport » SALERNITANA – BARI TRUCCATA. DA GILLET A RANOCCHIA, SI RISCHIA…

Ieri il capo della polizia Antonio Manganelli ha annunciato clamorose novità sul calcio scommesse. E oggi arriva la prima: Salernitana-Bari 3-2 della stagione 2009-2010 fu una partita truccata, e sulla quale in molti hanno scommesso.
Ora tremano in molti, anche in Serie A: come il difensore dell’Inter e della Nazionale Ranocchia o il portiere del Torino Gillet.
E trema di nuovo anche Antonio Conte, l’allenatore della Juve già squalificato per un’omessa denuncia – al tempo sulla panchina del Bari – che però non è indagato.

La ricostruzione

Il Bari era promosso. La Salernitana si doveva salvare. Secondo la ricostruzione degli investigatori sarebbero stati 2 giocatori della Salernitana, Fusco e Ganci, a contattare alcuni loro amici all’interno dello spogliatoio del Bari: ossia Stellini (ex collaboratore di Conte già squalificato per 2 anni e mezzo) e Gillet. L’offerta è tra i 200 e i 300mila euro.
Stellini e Gillet ne parlano ai compagni che accettano. La risposta ai salernitani viene data in un’area di sosta sull’autostrada.
Lì vengono individuate anche le modalità di pagamento. È la compagna di un calciatore del Bari a vedere la partita assieme a 2 emissari della Salernitana, che a fine partita, a risultato acquisito, le lasciano una valigetta.

Prima la combine, poi le scommesse

Ma non finisce qui. Perché la notizia che Salernitana-Bari finisse con un over fu passata a scommettitori e ricevitorie. Giunse perfino a un carabiniere che, anziché indagare, scommise pure lui.
Il giorno dopo si passò all’incasso. E il bottino fu spartito. Le fette più grosse andarono agli organizzatori della combine: Gillet, Stellini ed Esposito.

Le posizioni di Ranocchia e Gazzi

Per quella combine ora è nei guai il difensore dell’Inter Ranocchia. Secondo alcuni rifiutò la busta. Secondo altri l’accettò. Adesso rischia quantomeno una squalifica per omessa denuncia.
Tra i coinvolti c’è anche il centrocampista del Torino Gazzi: lui rifiutò la busta, ma fu costretto ad accettare un computer (una forma di vincolo imposta dal gruppo).

Conte non è indagato, ma trema

Più difficile la posizione di Antonio Conte, l’allora allenatore del Bari. Su di lui incombe un altro deferimento per omessa denuncia. Ma è anche l’unico a non essere indagato. Secondo le ricostruzioni, non ne sapeva nulla. Tutti i giocatori hanno detto che il tecnico era all’oscuro di tutto. Ma uno ha raccontato che secondo lui aveva capito tutto. Anche perché si raccomandò, prendendo a uno a uno i suoi, di non fare sciocchezze, di giocare al massimo.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like