Cesare Prandelli e Federico Marchetti

Uno striscione per sensibilizzare sulla “Terra dei Fuochi e dei Veleni”. La FIFA non lo consente

on ott 14, 13 • by • with Commenti disabilitati su Uno striscione per sensibilizzare sulla “Terra dei Fuochi e dei Veleni”. La FIFA non lo consente

(INVIATI AL SAN PAOLO PIETRO MAGRI E GIUSEPPE LIBERTINO) Prandelli ha parlato in conferenza stampa: “Dopo l’allenamento saremo più precisi – ha esordito il tecnico – prima dobbiamo valutare qualche giocatore. Ci saranno parecchi cambi rispetto a Copenaghen. Negli ultimi giorni Mario, anche...
Pin It

Home » Calcio, Sport, Testata » Uno striscione per sensibilizzare sulla “Terra dei Fuochi e dei Veleni”. La FIFA non lo consente

(INVIATI AL SAN PAOLO PIETRO MAGRI E GIUSEPPE LIBERTINO) Prandelli ha parlato in conferenza stampa: “Dopo l’allenamento saremo più precisi – ha esordito il tecnico – prima dobbiamo valutare qualche giocatore. Ci saranno parecchi cambi rispetto a Copenaghen. Negli ultimi giorni Mario, anche quando non ci aspettavamo nulla ha avuto un problema intestinale. Speriamo non abbia nulla. Ieri ha disputato un ottimo allenamento e questa mattina è stata solo un’esibizione. Siamo un po’ esagerati su Mario. Secondo me l’argomento è chiuso”. Sulle polemiche che hanno investito Supermario in queste ultime ore, Prandelli è stato sfuggente: “Non vogliamo dare continuità all’argomento. Non sono stanco delle polemiche, siamo alla vigilia del mondiale e forse per noi è già iniziato”. Su Cassano: “Non voglio rispondere ad Antonio per il rispetto che ho per lui come giocatore e come uomo. Dobbiamo vincere per rimanere testa di serie. Sono abbastanza preoccupato per domani. Troviamo l’Armenia che può andare ancora agli spareggi, hanno 4 giocatori abili nelle ripartenza dobbiamo stare attenti alle chiusure preventive. Non ho ancora la testa al Brasile penso a domani. Voglio arrivare bene al mondiale vorrei sfatare il mito che abbiamo bisogno delle polemiche per giocare bene. Sulla Terra dei Fuochi risponde la responsabile della comunicazione: “Abbiamo preso in considerazione la situazione molto grave di questo territorio. La FIFA non consente di giocare con il lutto al braccio e di esibire striscioni. Il presidente Abete si propone di partecipare attivamente in futuro alle iniziative riguardanti questo territorio”.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like