"Voglio entrare nella storia del club e superare il record di Maradona. C'è qualcosa che mi lega alla città"

on set 21, 12 • by • with Commenti disabilitati su "Voglio entrare nella storia del club e superare il record di Maradona. C'è qualcosa che mi lega alla città"

Edinson Cavani ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Radio Marte. Ecco i punti salienti: “La stagione è iniziata bene per tutta la squadra, siamo partiti bene e speriamo di continuare così. Anche ieri ho sentito la partita come se fossi stati in campo, con la voglia di voler vincere e godendomi...
Pin It

Home » Calcio, Sport » "Voglio entrare nella storia del club e superare il record di Maradona. C'è qualcosa che mi lega alla città"

Edinson Cavani ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Radio Marte. Ecco i punti salienti:

“La stagione è iniziata bene per tutta la squadra, siamo partiti bene e speriamo di continuare così. Anche ieri ho sentito la partita come se fossi stati in campo, con la voglia di voler vincere e godendomi ogni momento bello di questo Napoli. Non sapevo che la prossima partita sarà la mia centesima presenza in maglia azzurra, mi fa molto piacere. Tengo tantissimo a questa città e a questi colori. Dalla prima partita contro l’Elfsborg all’ultima non è cambiato niente per me, la cosa importante è che sono cresciuto e che i miei compagni sono sempre al mio fianco. C’è stata una crescita sia da parte mia che della società. La mia media gol? Il mister mi ha dato un grande aiuto in merito, mi ha aiutato molto all’inizio facendomi arrivare qui a Napoli e facendomi giocare nel ruolo a me più congeniale.”

“Rinnovo? Ho sempre detto che le cose si fanno in due, quest’anno i giornali e i media hanno più volte parlato di una mia partenza, vi dico che in questi anni qui a Napoli qualche volta ho sentito l’esigenza di guardare anche fuori dai confini della città, ma il rinnovo è stata la scelta giusta. Vincere col Napoli? Voglio il primo posto. L’ho sempre detto, vincere con una squadra come il Napoli è fantastico, ha un sapore diverso. Discorso campionato? Penso che per ora abbiamo dimostrato di essere preparati a lottare per qualcosa di importante, ora bisogna solamente giocare partita per partita e tirare le somme alla fine. Quest’anno siamo più maturi, e per me è fondamentale, soprattutto per squadre come la nostra che hanno un calendario così fitto di impegni. Napoli l’anti-Juve? Vi posso assicurare che c’è una forte rivalità tra le due squadre, le vittorie contro i bianconeri sono qualcosa di speciale. Sconfitta a Pechino? E’ una delusione che mi è rimasta dentro, ma dobbiamo guardare avanti vendicandoci già nella prossima partita il 20 ottobre contro i bianconeri.. Vargas? La tripletta di ieri è stata importantissima, non solo dal punto di vista realizzativo, ma dal punto di vista morale. Edu ci tiene tanto a portare in alto i colori del Napoli, si merita questa gioia che gli darà una spinta e una sicurezza in più per andare avanti e continuare a crescere. Coppia con Pandev o Lavezzi? Mi mettete in difficoltà (ride ndr.), meglio un tridente con Goran e Pocho. Nuovo modulo? Credo che il Mister cerchi di trovare i meccanismi più adatti per ogni partita, non sono cambiate tante cose dall’anno scorso, il sistema è sempre lo stesso e cechiamo di dare il meglio. Vargas e Insigne? Sono due fuoriclasse, adesso devono crescere ulteriormente e fare ancora tanto diventando ancora più forti.”

“Quest’anno più che a segnare spero di vincere tanto, dobbiamo far vedere quel salto di qualità che abbiamo maturato. La partita più emozionante? Ho vissuto tantissimi momenti belli, ma la finale è stata qualcosa di incredibile, abbiamo vinto contro la Juve e conquistato la coppa. Per me è il momento più bello qui a Napoli. Gol più bello? La rete del 4-1 contro il Cesena due anni fa, fu un tocco stupendo. Ci tengo tanto a fare bene con il Napoli, sia come calciatore che come compagno di lavoro di tutti quelli che lavorano nel Napoli. Sogno di lasciare un segno indelebile nella memoria dei tifosi azzurri, so che questa città non dimentica facilmente, e proprio per questo voglio essere protagonista. Nel tempo libero sto con la mia famiglia senza troppo stress, passiamo molto tempo a casa, pregando anche. Il gol più difficile? Quello con il Lecce: era il 93° minuto e le gambe mi scoppiavano ed eravamo tutti stanchi, sono rimasto in piedi in quei 2-3 dribbling e ho tirato da lontanissimo.”

Traguardi ? “Sarebbe bello superare il record di gol di Maradona, ma andiamo con calma. Sto pensando solo a fare il mio lavoro, durante gli allenamenti e in campo”

Le mie capacità in fase difensiva ? “Io do sempre una mano in difesa durante la partita, e per questo mi definiscono attaccante moderno. Diverso è il discorso di quando torno in difesa a respingere i cross dai calci piazzati, in quel caso lo faccio perchè mi piace, stare in difesa è bello quasi quanto segnare”.

Dialetto napoletano ? “Ho imparato tutte le parolacce, e in più capisco tutte le parole in napoletano”. 

Canzone preferita ? “Dal punto di vista extra calcistico vi svelo che prima delle partite e soprattutto prima della finale contro la Juventus ho sentito la canzone di Guido Lembo “Napoli è” che mi carica tantissimo”. 

Ricordi azzurri ? “Cannavaro mi ha spiegato quello che successe nell’anno dello scudetto, un qualcosa di incredibile. Per uno orgoglioso come me è importante puntare sempre al massimo”.

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like