AP 2014 US OPEN TENNIS S TEN USA NY

US Open. Serena la barbara

on set 6, 14 • by • with Commenti disabilitati su US Open. Serena la barbara

Pare che l’unica volta che Roger Federer abbia rimontato una partita in un major salvando match point risalga addirittura al 2000, quando usava tingersi i capelli e l’unica cosa che spiccava nel suo gioco era il naso a patata. Anche quell’incontro terminò al quinto parziale, proprio come il match di...
Pin It

Home » Altri Sport, Sport » US Open. Serena la barbara

Pare che l’unica volta che Roger Federer abbia rimontato una partita in un major salvando match point risalga addirittura al 2000, quando usava tingersi i capelli e l’unica cosa che spiccava nel suo gioco era il naso a patata. Anche quell’incontro terminò al quinto parziale, proprio come il match di quarti con Monfils. Il lettore occasionale e di passaggio potrebbe chiedersi perchè molti addebitino al campionissimo uno score piuttosto basso nei match al quinto e perchè, assoluta blasfemia, gli abbiano riferito l’idea che non abbia più le condizioni fisiche necessarie per cimentarsi in tali maratone, a trentatrè anni suonati. La domanda giusta che i meno attenti non riescono a porsi è un’altra: com’è possibile che un tennista con una carriera così lunga e prolifica, milleduecentoun partite disputate se mi credete, abbia giocato solo quarantadue match al quinto? La risposta è più semplice di quanto sembri: negli anni del suo dominio, quando perdeva quattro partite l’anno, quasi nessuno riusciva a trascinarlo al set decisivo. Certamente, dati alla mano, ha sempre avuto una scarsa propensione fisica alle lunghe dispute, quantomeno se paragonato a un Djokovic. Eppure contro Monfils s’è visto qualcosa di diverso. Federer perdeva senza colpo ferire i primi due parziali, giocando privo di diritto e di servizio, dimenticati sul comodino dell’albergo, subendo l’aggressività fisica dell’esuberante francese. Nel terzo una reazione di orgoglio lo teneva a galla, ma è nel quarto parziale che l’intreccio era destinato a subire inaspettati colpi di scena. Break e controbreak a inizio set, poi calma piatta fino al decimo gioco: sul punteggio di 4-5 per Monfils, Roger si ritrovava a servire sul punteggio di 15-40 e a concedere all’avversario due palle break che equivalevano match point. Federer serviva una prima esterna e sulla successiva ribattuta improvvisava un incerto schiaffo al volo centrale, cui Monfils provava ad opporre un tentativo di passante terminato lungo; Federer batteva una seconda e concludeva lo scambio con un deciso diritto lungolinea. Passata la paura, iniziava una partita completamente diversa, mentre i fantasmi affollavano la mente del francese: due doppi falli consecutivi nel successivo gioco, e di fatto il match si chiudeva qui. Sommerso dalla tranquillità ritrovata dell’elvetico, il povero Gael sembrava addirittura inferiore sul piano fisico.
Non altrettanto si può dire della straripante Serena Williams. Spiegare efficacemente le motivazioni che consentono a Serena di schiacciare le sue avversarie senza fatica, Makarova ultima in ordine di tempo, non è cosa semplice. Serena, a un occhio poco allenato, può sembrare un bradipo: e come naturale conseguenza di questo ragionamento, si presume che basti muoverla e costringerla agli spostamenti per batterla. Serena, a ben vedere, è un gatto selvatico e ha una rapidità impressionante, considerata la sua stazza. Per muoverla efficacemente, non c’è altra strada che giocare profondo e sulle righe, sperando che il suo braccino, si fa per dire, non rispedisca indietro un missile. E guai a chi parla di potenza! Serena Williams con il servizio e con i colpi di rimbalzo potrebbe colpire una monetina da cinque cent. Perchè, dunque, quest’anno negli slam ha ottenuto risultati risibili, mi chiederà il lettore di passaggio. Rispondo: è dipeso solo da Serena, caro signore.

Semifinali donne:

Wozniacki – Peng 7-6 4-3 Ab.
Williams – Makarova 6-1 6-3

Quarti uomini:

Cilic – Berdych 6-2 6-4 7-6
Federer – Monfils 4-6 3-6 6-4 7-5 6-2
Nishikori – Wawrinka 3-6 7-5 7-6 6-7 6-4
Djokovic – Murray 7-6 6-7 6-4 6-2

Related Posts

Comments are closed.

Scroll to top

Support us!

Facebook_like